Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 714
VITTORIA - 22/05/2011
Attualità - Confesercenti, Confcommercio e Cna favorevoli alla realizzazione del progetto

Sì al porto di Scoglitti, ma serve protocollo d’intesa

Giudice, Santocono e Prelati chiedono che si privilegi il territorio
Foto CorrierediRagusa.it

Disco verde alla realizzazione del porto di Scoglitti (nella foto la bozza del progetto). Lo hanno acceso le tre organizzazioni sindacali che hanno maggiore interesse a che il porto si faccia e funzioni bene per il territorio. Confesercenti, Confocommercio e Cna sulla struttura da realizzare parlano una sola voce. A una condizione. «Che l´impresa che deve realizzare l´opera firmi un protocollo d´intesa con il territorio».

Massimo Giudice, Antonio Prelati e Giuseppe Santocono, i tre presidenti delle rispettive associazioni, hanno avuto sotto gli occhi l´elaborato e l´hanno definito un «progetto ambizioso. Se il tutto verrà realizzato, così come indicato nel progetto, si avvierà finalmente il percorso di qualificazione e rilancio di una struttura che attualmente è fortemente sottoutilizzata, facendola diventare uno dei volani per lo sviluppo del turismo nel nostro territorio». Una dichiarazione forte, che porta la firma dei tre presidenti, il più delle volte tutt´altro che teneri nei confronti delle iniziative prese o non prese dall´amministrazione comunale.

«E´ convinzione delle tre organizzazioni – scrivono Giudice, Prelati e Santocono – che la realizzazione del porto turistico di Scoglitti costituirà una leva formidabile per la crescita di tutta la filiera delle imprese del territorio legate sia alla produzione dei servizi al diportismo, sia per le nuove opportunità occupazionali, professionali e imprenditoriali. Naturalmente il tutto deve essere accompagnato dalle necessarie opere di miglioramento urbanistico e di collegamento viario con le altre infrastrutture (aeroporto, future autostrade, ecc.)».

Insomma, niente pregiudizi sostanziali nei confronti dell´opera. Solo la sottolineatura che «la struttura deve rappresentare una grande opportunità per le tante attività artigianali e commerciali di Vittoria, dalla sua esecuzione (subappalti, forniture materiale, impiantistica, ecc.) fino alla gestione della stessa (servizi, attività commerciali, ecc.)». Per questo le tre organizzazioni propongono la predisposizione di un protocollo d´intesa da far sottoscrivere all´impresa realizzatrice.