Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1344
VITTORIA - 03/01/2008
Attualità - Vittoria - I problemi sempre maggiori della struttura ortofrutticola

Un milione di euro di perdite
annue per il mercato di Fanello

C’è l’urgenza di ricostruire 10 box Foto Corrierediragusa.it

Un milione di euro di perdite l’anno. A tanto ammonterebbe, nel 2007, il mancato incasso di crediti certi dei commissionari ortofrutticoli che vendono merce a commercianti «pagherò». Accumula oggi, accumula domani fino a quando il commerciante non mette più piede al mercato ortofrutticolo di Fanello (nella foto) e non paga il credito ricevuto. Per questo motivo s’è dimesso il direttivo e il presidente dell’Associazione dei produttori ortofrutticoli di contrada Fanello. Sta qui l’anarchia e l’indifferenza degli associati denunciata a fine anno dal presidente Marco Lo Bartolo.

Molti commissionari non hanno rispettato le regole che impedivano la vendita di ortofrutta ai commercianti iscritti nella «lista nera» per morosità. Quasi la metà dei commissionari ha violato le regole e venduto regolarmente merce anche a coloro che non hanno saldato gli acquisti precedenti da circa 2 mesi. Molti commissionari, stanchi d’aspettare e preoccupati di subire un altro «tappo» avevano detto basta, ma altri hanno violato la regola andando incontro a una sorta di concorrenza sleale.

Sono questi i problemi che hanno messo in crisi l’associazione dei commissionari alla fine dell’anno. Adesso si dovrà eleggere il nuovo direttivo entro le prossime settimane e poi scegliere il presidente. Marco Lo Bartolo non appare intenzionato ad accettare un incarico bis. Eppure l’anno che è appena iniziato dovrebbe essere quello buono per il rilancio del mercato.

C’è l’urgenza di ricostruire 10 box (due sono stati salvati dal rogo), di costituire la società di gestione a capitale pubblico e privato, da rifare nuove regole organizzative. Troppe rivoluzioni in una sola volta per un mercato abituato a vivere per decenni nell’anarchia totale, infischiandosene di leggi, di regolamenti, di ingressi e orari. Ce la farà l’esperto Claudio Sassi a compiere il miracolo?