Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 783
VITTORIA - 23/11/2010
Attualità - Ragusa: la visita dell’assessore regionale all’agricoltura

D´Antrassi in provincia, ma l´agricoltura soffre

L’assessore regionale ha vissuto una giornata intensa, tutta dedicata alle problematiche agricole

Di buon mattino a Ispica, patria della carota, dalle 11,30 alle 20 a Vittoria, capitale dell’ortofrutta. Elio D’Antrassi, assessore regionale all’Agricoltura, non ha la lampada d’Aladino per risolvere i guai del settore prodotti dalla globalizzazione, ma è venuto in terra iblea per toccare con mano la realtà locale. Da un’iniziativa del deputato regionale del Pd Giuseppe Digiacomo, Elio D’Antrassi ha vissuto una giornata intensa, tutta dedicata alle problematiche agricole. Ad accompagnare l’assessore, Digiacomo, ovviamente, poi l’altro deputato del Pd Roberto Ammatuna e il parlamentare del Mpa Riccardo Minardo, partito che esprime la presidenza della Regione. A fare gli onori di casa il sindaco Giuseppe Nicosia e l’amministrazione comunale. Assenti la Provincia e i deputati del Pdl e dell’Udc, impegnatissimi a far quadrare i conti in sede di verifica politica alla Provincia.

Non c’è stato un settore che D’Antrassi non abbia toccato. Il settore ortofrutticolo "vivo e quindi da sostenere- ha detto l’assessore- La Regione si dovrà fare carico di questo impegno a 360° e verso tutte le direzioni. In merito alle infiltrazioni mafiose nel comparto agricolo e al mercato, la Regione deve fare la sua parte attraverso un’attenta vigilanza mirata che sia da supporto".

Il tour dell’assessore ha attraversato diverse realtà locali. Prima al mercato di contrada Fanello, poi presso il centro di ricerca applicata di contrada Perciata, a Gaspanella ha visitato l’azienda dei fratelli Dezio, poi s’è spostato al mercato ittico per affrontare la questione della pesca del novellame, infine verso le 18,30, a buio inoltrato, tutti a palazzo Iacono, dove nella sala degli Specchi c’è stato il ricevimento ufficiale delle istituzioni.