Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 905
VITTORIA - 16/11/2010
Attualità - Vittoria: onorificenza per un grande chirurgo del passato

Cittadinanza onoraria al chirurgo D’Ambrosio, primario di 40 anni fa

Ha diretto la Chirurgia dell’ospedale dopo il prof. Pinna, dal 1968 al 1974. Alla sua scuola di Treviso s’è formato il chirurgo vittoriese Giuseppe Di Falco. Per motivi di salute ha ricevuto l’onorificenza a Treviso da parte dell’assessore Luciano D’amico
Foto CorrierediRagusa.it

Vittoria lo ricorda ancora come uno dei più grandi chirurghi che l’ospedale abbia avuto. Successore dell´illustre professore Pinna, capostipite di una lunga scuola di grandi chirurghi. Gaetano D’Ambrosio (nella foto seduto insieme a Nadia Fiorellini, Luciano D´amico e Dora Morana), primario di Chirurgia dal 1968 al 1974 presso l’ospedale civile di Vittoria (oggi «Riccardo Guzzardi»), è diventato cittadino onorario di Vittoria.

Non esisteva la laparoscopia, la Tac e le ecografie non erano ancora di grande aiuto per la scienza chirurgica, il bisturi tagliava a vista ciò che di orrendo incontrava, affidandosi alla fortuna, al buon Dio e alla bravura del chirurgo. Gaetano D’Ambrosio ha dato lustro e successo al nosocomio vittoriese, prima di andarsene nella sua Treviso. Ancora oggi si parla del suo primariato come esempio di sanità d´eccellenza.

Vittoria non ha dimenticato il professore Gaetano D’Ambrosio, tanto che gli ha conferito la cittadinanza onoraria. E siccome l’illustre chirurgo non può viaggiare per motivi di salute, l’assessore Luciano D’Amico, nelle vesti del sindaco Nicosia s’è recato a Treviso per conferire a D’Ambrosio la cittadinanza onoraria. «Negli anni del suo primariato – ha dichiarato il sindaco, Giuseppe Nicosia – il professore D’Ambrosio ha dato ampia dimostrazione di come dovrebbe essere intesa la professione di medico: come una missione nei confronti del paziente. Sempre disponibile con tutti, è stato medico a tempo pieno e apprezzato per le sue doti umane, per la sua modestia e per la sua professionalità e serietà, oltre che per la sua passione per la cultura classica e umanistica. Negli anni in cui ha diretto la Chirurgia dell’Ospedale di Vittoria, ha contribuito a far diventare il nostro presidio sanitario un polo d’attrazione per la chirurgia generale, e ha formato una generazione di validi chirurghi, come il dottor Giuseppe Di Falco, vittoriese, oggi chirurgo di fama internazionale».

Al ritorno da Treviso, Luciano D’Amico ha detto: «E’ stata una cerimonia commovente, informale ma molto sentita da tutti gli amici, vittoriesi e no, che hanno voluto partecipare, omaggiando il professor d’Ambrosio con la loro presenza. Non avevo ancora avuto il piacere di incontrarlo, ma gli attestati di stima e di ammirazione che circondano il suo nome me lo avevano fatto conoscere da sempre».