Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 898
VITTORIA - 29/10/2010
Attualità - Vittoria: partecipata manifestazione in piazza contro le trivellazioni

Perforazioni, Granata e Nicosia contro il "colosso" Panther

La Panther ricompatta il fronte «No triv» e spacca il nuovo partito di Fini in Sicilia. Al monito di Scalia e Incardona, il vice presidente Antimafia replica: «Fanno politica di basso livello, sono a Vittoria in nome e per conto di Fli» Foto Corrierediragusa.it

La battaglia per l’acqua va oltre le bandiere politiche. A Vittoria spicca la presenza del parlamentare Fabio Granata (nella foto con il sindaco Nicosia), vice presidente della Commissione nazionale Antimafia, la cui dichiarazione a favore del territorio, il no alle trivellazioni della Panther Eureka e la solidarietà al sindaco Nicosia, hanno di fatto spaccato Fli, il nuovo soggetto politico creato da Gianfranco Fini.

Dopo la sua condivisione dell’azione politica del sindaco Nicosia, Pippo Scalia (Coordinatore Regionale FLI), Nino Lo Presti, Livio Marrocco, Alessandro Aricò, Pippo Currenti, Luigi Gentile, Carmelo Incardona hanno emesso un comunicato di questo tenore: «L’onorevole Granata dicendo di voler sostenere l’azione del sindaco Nicosia fa una dichiarazione del tutto personale che non rispecchia la posizione di Futuro e Libertà in Sicilia e anche quando dovesse partecipare a manifestazioni assieme al sindaco di Vittoria lo farà anche lì a titolo meramente personale non rappresentando la posizione di Fli, che sul territorio è perfettamente rappresentata dall’on. Carmelo Incardona».

A quale titolo è a Vittoria, hanno chiesto i giornalisti a Fabio Granata, a fianco di Nicoisa per la battaglia per l’acqua? «Sono qui a nome di tutto il partito e di Gianfranco Fini, non voglio fare polemiche, ma la politica di basso livello non m’interessa. La destra è storicamente impegnata nella tutela del territorio. La Sicilia ha già dato molto in termini di petrolio, qui c’è da fare una battaglia politica bipartisan».

A rafforzare questa tesi dichiarata a caldo, un comunicato dell’ufficio stampa di Granata. «Siamo esterrefatti degli ultimi sviluppi della vicenda delle trivelle in Val di Noto, e più che il rinnovato allarmismo per un via libera alla Panther Eureka, ancora tutto da vedere, ci preoccupa la reazione del gruppo Fli all´Assemblea regionale siciliana, con l’avallo del coordinatore regionale dei comitati costituenti, Pippo Scalia: esempio di scollamento dei nostri rappresentanti rispetto al comune sentire dei territori che rappresentano. Le coerenti dichiarazioni di Fabio Granata sono, a nostro avviso, perfettamente in linea con l´impostazione politica nazionale su questi temi e rappresentano posizioni non personali ma politiche della base, i circoli di FLI in tutta Italia come nel Val di Noto».

Dichiarazioni condivise da 32 circoli Fli Generazione Italia della Sicilia. La manifestazione in piazza del Popolo è cominciata molto con netto ritardo proprio per l’attesa di Granata. Hanno parlato Filippo Pallas componente Onu per le tematiche ambientali, Paolo Pantano, Comitato Val di Noto, Fabio Granata, don Mario Cascone, che ha portato la solidarietà delle 16 parrocchie di Vittoria, il sindaco Giuseppe Nicosia, che ha ribadito i concetti già espressi in altre sedi: «Chiederemo la revoca delle concessioni per le trivellazioni».

In prima linea la deputazione iblea del Pd con Pippo Digiacomo e Roberto Ammatuna, i segretari provinciali del Pd Salvo Zago e di Idv Giovanni Iacono. Ma anche tante associazioni ambientaliste che sono contrarie alle trivellazioni.

Nelle foto sotto, alcuni momenti della manifestazione. Cliccateci per ingrandirle