Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1515
VITTORIA - 23/08/2010
Attualità - Vittoria: accolto il ricorso d’urgenza di due dipendenti del Comune

Licenziati per diploma falso. Il giudice del lavoro li reintegra

Gli interessati si riservano ora la facoltà di richiedere il risarcimento danni

Il Magistrato del lavoro del Tribunale di Ragusa, Gaetano Dimartino, ha accolto il ricorso d’urgenza di due dipendenti del Comune di Vittoria, reintegrandoli sul posto di lavoro con provvedimento del 13 agosto. I dipendenti erano stati licenziati senza preavviso dopo quasi tre anni dall’archiviazione del procedimento penale a loro carico per avere ottenuto un livello superiore a seguito di produzione di diploma falso; ciò accadeva nel lontano 1997.

Nel 2002 i dipendenti si presentavano spontaneamente in Procura, autodenunciandosi, unitamente ad altri per cui pende ancora il processo penale; licenziati in tronco nel 2003, erano stati reintegrati dal Magistrato con provvedimento d’urgenza, confermato da sentenza definitiva.

All’inizio dell´anno il Comune, sostenendo di avere scoperto solo nel dicembre del 2009 l’archiviazione del procedimento penale a loro carico, ha riattivato il procedimento disciplinare, licenziandoli senza preavviso, nonostante i dipendenti con il loro procuratore, avvocato Giuseppe Russotto, avessero sostenuto l’avvenuta decadenza del potere di licenziamento sotto vari profili, compreso il lungo decorso del tempo, atteso che il procedimento disciplinare va concluso nel termine di 180 giorni da quando è avviato (2003) e, se sospeso, riattivato nel termine di 60 giorni dalla conclusione di quello penale.

L’avvocato Russotto fa sapere che unitamente ai due di recente reintegrati, è stato licenziato senza preavviso anche un terzo dipendente in pensione da un anno e mezzo, dandosene perfino atto nel corpo del provvedimento. I dipendenti si riservano ora la facoltà di richiedere il risarcimento danni.