Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 573
VITTORIA - 13/08/2010
Attualità - Vittoria: il vice sindaco «bacchetta» il preside

Fuga dal liceo classico, troppi bocciati agli esami di maturità

Gianni Caruano dalla parte degli studenti: «Le bocciature sono pari al 20 per cento del numero degli ammessi agli esami (7 su 40). «E’ il fallimento dell’impostazione didattica. Si pensa a una scuola per eletti, per geni, per pochi?»
Foto CorrierediRagusa.it

Il Liceo Classico di Vittoria è la «pecora nera» della scuola italiana. Bravi ovunque, asini solo a Vittoria? L’eccessiva percentuale di bocciature agli esami di maturità di quest’anno ha fatto infuriare i genitori che sono andati a protestare dal vice sindaco Gianni Caruano (nella foto). Che si è infuriato tanto quanto i genitori. «E’ il fallimento di un’impostazione didattica»- afferma con certezza Caruano.

In tutt’Italia, secondo le statistiche del vice sindaco «diminuisce la percentuale dei bocciati agli esami di maturità, tranne che al Liceo Classico di Vittoria. Qui si boccia più di prima, quest’anno addirittura il venti per cento dei ragazzi ammessi agli esami; 7 su 40. Non so cosa sia avvenuto, qualcuno dovrebbe spiegarlo. Credo però che queste bocciature, che si registrano anche nelle classi intermedie, siano il sintomo del fallimento di un’impostazione didattica che risulta sempre più lontana dai ragazzi, dalle famiglie e dal contesto sociale, se è vero che gli iscritti al Liceo Classico di Vittoria diminuiscono sempre più e che ogni anno è sempre più difficile costituire la quarta ginnasio».

Una situazione paradossale che non mancherà di provocare polemiche fra la direzione della scuola e l’amministrazione comunale. «Sono ormai decine e decine- denuncia Caruano- i nulla osta richiesti dalle famiglie per iscrivere i propri figli a Comiso o a Ragusa. C’è qualcuno che pensa forse a una scuola per eletti, per geni, per pochi? Credo che il preside e il corpo docente dovrebbero avviare una seria riflessione su quello che sta accadendo, perché non sempre è colpa della Gelmini… e non sarò certo io ad assolverla. Recuperare l’autonomia, il prestigio, l’autorevolezza del Liceo Classico è un obiettivo che l’amministrazione comunale si sente di porre con un approccio costruttivo e positivo, senza alcun pregiudizio».