Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1085
VITTORIA - 12/08/2010
Attualità - Vittoria: la decisione in consiglio comunale

Stabilizzazione per i Vat di Vittoria. Incubo finito

Provvedimento adottato in via sperimentale e fino a dicembre 2011

Ha avuto finalmente termine una delle vicende più complesse, e allo stesso tempo delicate, della vita amministrativa di Vittoria: il consiglio comunale ha approvato difatti la stabilizzazione dei Vat, i volontari ausiliari del traffico, all’interno dell’azienda fiere e mercati, cioè l’Emaia, seppur in via sperimentale e fino a dicembre 2011.

Si tratta, infatti, di contratti part time a tempo determinato. Ma, a differenza della precedente situazione, i Vat diventano veri e propri lavoratori, contributi compresi. Passa, in questo modo, la linea proposta dall’amministrazione che, fino a ieri, aveva incontrato numerosi ostacoli in consiglio. Non tutti i Vat, però, passeranno all’Emaia: è stato infatti inserito e approvato il requisito delle 1800 ore lavorate negli ultimi tre anni.

LE REAZIONI
Un successo dell’amministrazione, un atto grave e ed elettoralistico. Le reazioni all’affidamento dei Vat all’Emaia suscita reazioni contrapposte con posizioni negative anche all’interno del Pd.

Come nel caso del consigliere Piero Gurrieri che, oggi, parla di atto illegittimo e discriminatorio definendo la stabilizzazione «ad personam» perché, così pensa Gurrieri, sarebbe espressamente pensata per favorire un gruppo di ex Vat.

Il consigliere di Rifondazione Peppe Cannella, invece, parla di fine del calvario per i Vat, esprime apprezzamento ma allo stesso tempo afferma di voler vigilare affinché l’amministrazione Nicosia rispetti gli impegni presi.

Di opinione assai simile l’opposizione: Nello Dieli di Vittoria che Cambia se la prende soprattutto con il requisito delle 1800 ore lavorate negli ultimi tre anni. Per il Pd in generale si è invece trattato di una grande vittoria del partito.