Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1501
VITTORIA - 06/08/2010
Attualità - Vittoria: giovani fotografi alla ribalta, ecco gli scatti di Valentina Mazza

Da Scoglitti «Mediterraneo, un mare da amare…»

Gli altri appuntamenti a Marina di Acate, Marina di Modica, Punta Secca, Sampieri e Marina di Ragusa
Foto CorrierediRagusa.it

Scoprire nuovi talenti fotografici. E’ anche lo scopo della manifestazione "Mediterraneo, un mare da amare, tra cultura e tradizione" , con la partecipazione della Sogevi, che si svolge lungo la costa iblea in questo mese di agosto. Prima tappa Scoglitti, domenica prossima, poi Marina di Acate, Marina di Modica, Punta Secca, Sampieri e Marina di Ragusa.

Per i giovani fotografi alla ribalta nella città di Vittoria, quest’anno ci sarà la mostra delle fotografie scattate da Valentina Mazza, antropologa, che vanta un’esperienza di lavoro con lo studio Rivaweb.

«Le foto- dice Valentina Mazza- sono tutte incentrate sul mare, i pescatori, la pesca in generale. Colpiscono perché invece che mostrare i luoghi soliti della pesca, come spesso avviene, puntano lo zoom sui dettagli della pesca, ad esempio le mani dei pescatori, le reti, gli strumenti di lavoro, ecc».

«Mediterraneo, un mare da amare, tra cultura e tradizione", è una manifestazione curata da «Ada Comunicazione», ed è nata dall´esigenza di far conoscere e promuovere un settore spesso trascurato, di valorizzare e salvaguardare le specie ittiche in estinzione e di dar voce alle politiche di sostegno del comparti ittico. Un vero e proprio itinerario di gusto tra mare, terra e barocco ragusano. Un progetto che mira a dare vigore e slancio alla nostra terra, al nostro mare. Turismo e pesca, le parole chiave del progetto".

(Nella foto, pescatore lavora le reti, di Valentina Mazza)