Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1461
SIRACUSA - 07/06/2010
Attualità - Buscemi/Siracusa: presentato il documentatio di Lorenzo Lo Presti

Parco Iblei sì o no, faccia a faccia tra favorevoli e contrari

Preoccupati i costruttori edili del piccolo comune aretuseo, 1.150 abitanti: «Il parco ci impedisce di costruire». I favorevoli: «Disinformazione, il parco ripopola le città deserte e porta ricchezza e sviluppo»

A Buscemi, comune di 1.150 abitanti della provincia di Siracusa, il costruttore edile che partecipa al convegno presso la chiesa di San Giacomo è preoccupato per la realizzazione del Parco degli iblei. «Se nasce il parco-dice al microfono- noi a chi e dove costruiamo le case?» L’intervento del cittadino-costruttore nel dibattito che si svolge a Bucemi, sull’opportunità o meno di realizzare il parco degli iblei, alla presenza di Vittorio Ducoli, direttore Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, Franco Bonanini, Presidente Parco Nazionale delle Cinque Terre, Liguria fa sorridere i presenti. In un paese senza abitanti, ci si chiede, il costruttore a chi le vuole costruire le case? Agli anziani di Buscemi, età media 70 anni, che vivono nel centro storico del comune aretuseo?

E’ una delle tante pretestuosità che si sono sentite per dire no al parco. I due direttori dei parchi nazionali, invece, hanno esaltano l´utilità del parco. Perché la presenza di tale struttura in un territorio che vive di solo zootecnia, tornerebbe a fare ripopolare i comuni in via di estinzione.

Prima del dibattito è stato proiettato il documentario sul progetto di Parco nazionale degli Iblei realizzato dalla «Argo Software» a cura di Vincenzo Cascone, da un’idea di Lorenzo Lo Presti. «Il video- scrive Lorenzo Lo Presti- è la intesi dei luoghi e delle voci che li amano e li descrivono, le voci di vorrebbe che il Parco degli iblei non fosse soltanto il frutto di una norma ma l’espressione di una «consapevolezza collettiva nuova» da parte degli abitanti di questi luoghi».

L’iniziativa ha voluto fare chiarezza sulle problematiche suscitate dall’istituzione del Parco degli Iblei e dare risposte ai dubbi di amministratori e cittadini, facendo tesoro dell’esperienza di chi gestisce parchi nazionali. Ai lavori hanno partecipato Giuseppe Giansiracusa, sindaco di Buscemi, Rosario Acquaviva, componente Comitato esecutivo Rete museale etnografica iblea, Gaetano Pennino, direttore Casa museo Antonino Uccello, Palazzolo Acreide. Per la provincia di Ragusa erano presenti i consiglieri provinciali Mpa e Idv, Rosario Burgio (ex sindaco di Giarratana) e Giovanni Iacono, entrambi favorevoli al Parco degli Iblei.

(Nella foto sopra, una fase del convegno che si è svolto a Buscemi)