Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 528
SIRACUSA - 09/02/2011
Attualità - Noto: la celebrazione eucaristica domenica alle 11 alla presenza delle più alte autorità dello Stato

Cattedrale di Noto: si inaugurano affreschi e vetrate

Lo scultore Giuseppe Ducrot ha invece realizzato in bronzo argentato e diaspro siciliano l’altare, l’ambone e la croce Foto Corrierediragusa.it

E’ festa per la cattedrale di Noto. Dopo anni di lavoro le bianche pareti dell’interno del duomo sono state infatti adornate con gli affreschi di Oleg Supereco (nella foto al lavoro) mentre le otto nuove vetrate sono opera di Francesco Mori.

Una solenne celebrazione religiosa presieduta dal vescovo, Mons Antonio Staglianò, cui parteciperà tutta la chiesa netina, si tiene domenica alle 11 per ricordare questo momento di rinascita. Saranno presenti alte autorità dello Stato come il ministro Stefania Prestigiacomo, il capo del Dipartimento della Protezione Civile, Prefetto Franco Gabrielli, il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, il Commissario delegato per la ricostruzione, il Prefetto di Siracusa, Carmela Floreno Vacirca, il Presidente della Provincia Regionale di Siracusa,Nicola Bono e il sindaco di Noto, Corrado Valvo.

Per la cattedrale e tutto il mondo culturale ed artistico è un evento altrettanto importante quanto la ricostruzione della fabbrica della chiesa crollata nel marzo del 1966 e restituita al culto, restaurata, nel giugno del 2007. E’ un simbolo che domenica rinascerà ancora e si abbellirà grazie alle opere di due artisti di valore come Supereco e Mori. Quest’ultimo ha abbellito le otto vetrate dove sono raffigurate i sette sacramenti e la Parola di Dio, mentre sulla cupola è affrescata la discesa dello Spirito Santo nel giorno della Pentecoste. La caratteristica di questa raffigurazione è che non si tratta di figure tradizionali con le mani giunte e le fiammelle sulla testa degli apostoli, ma di figure che esprimono la gioia e la festa dei discepoli del Risorto nel momento in cui ricevono, insieme alla Madonna, lo Spirito Santo con i suoi doni di gioia, coraggio e forza, per portare in tutto il mondo il lieto annuncio dell’Amore di Dio. Anche la Madonna è raffigurata secondo questa interpretazione artistica.

Lo scultore Giuseppe Ducrot ha invece realizzato in bronzo argentato e diaspro siciliano l’altare, l’ambone e la croce. Nel corso della cerimonia religiosa il vescovo consacrerà il nuovo altare e benedirà l’ambone per quella che si annuncia una giornata di festa per tutta la comunità religiosa e non.