Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 666
SCICLI - 23/03/2010
Attualità - Scicli: dopo l’aggressione alla dottoressa della guardia medica è tempo di parole in libertà

Per Silvio Galizia oggi arti marziali, domani poligoni di tiro?

Per il consigliere provinciale Pdl i corsi sono la soluzione per un territorio che si va sempre più imbarbarendo

Tutti in palestra per un corso di arti marziali. Magari per le donne corsi agevolati, e forse anche gratuiti, visto che sono quelle che ne hanno più bisogno, perchè si sa, sono da sempre il sesso debole. E’ questa la ricetta che Silvio Galizia, consigliere provinciale Pdl, suggerisce per risolvere il problema delle aggressioni, delle violenze e comunque per tenere a bada i malintenzionati, a prescindere da sesso e nazionalità.

Silvio Galizia pensa a corsi convenzionati di difesa personale, magari pagati con i soldi di comuni e provincia che potrebbero creare ulteriori convenzioni con la cooperativa di turno ed il problema è risolto. La provincia di Ragusa tornerà ad essere quell’isola felice che era fino a qualche tempo fa quando nordafricani, orientali e slavi hanno deciso di stabilirsi dalle nostre parti. Un corso di Ju Jitsu e di kung-fu e si potrà tornare nuovamente a tenere le saracinesche delle farmacie notturne aperte, le guardie mediche spalancate, e magari elimineremo anche le porte blindate nelle banche.

Se non dovesse funzionare pazienza, il buon Galizia ha un’altra soluzione pronta; l’apertura, american style, di poligoni di tiro, per esercitarsi con carabine e pistole, ma solo a scopo preventivo; non dovessero funzionare le arti marziali bisognerà pur trovare un’alternativa. Non disperiamo dunque Silvio Galizia sarà lì in consiglio provinciale a difendere tutti noi e l’onore violato del territorio.