Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 406
SCICLI - 30/10/2009
Attualità - Si apre uno spiraglio concreto per il recupero del finanziamento a favore dello sviluppo rurale

Sei milioni per il Gruppo azione locale "Terre barocche"

E’ quanto assicurato dall’assessore regionale Michele Cimino Foto Corrierediragusa.it

Sei milioni di euro potranno entrare nelle casse del Gal, Gruppo Azione Locale "Terre barocche". Si apre uno spiraglio concreto per il recupero del finanziamento a favore dello sviluppo rurale: è quanto assicura l´assessore regionale Michele Cimino.

All´incontro c´erano il sindaco di Scicli Giovanni Venticinque, il collega modicano Antonello Buscema, quello di Santa Croce, Lucio Schembari e il vicesindaco di Ispica Gianni Tringali. L´amministratore regionale ha preso un impegno in favore del recupero del finanziamento di 6 milioni di euro per il comprensorio di cui Scicli è comune capofila. I sindaci iblei hanno ricostruito la vicenda del Gal. Il 29 maggio, sulla Gazzetta Regionale Siciliana, fu pubblicato il bando per la selezione dei Gal.

L´unica scelta possibile di partecipazione al bando per l´area sud orientale della Sicilia era quella di riunire i territori dei comuni di Scicli, Ispica, Modica, Pozzallo e Santa Croce Camerina. I Comuni in questione erano in realtà consapevoli di essere svantaggiati da tale scelta.

Il Gal "Terre Barocche", (Scicli, Ispica, Modica, Pozzallo e Santa Croce) ha presentato un progetto rispondente ai criteri previsti dal bando, riuscendo a raggiungere nei criteri soggettivi riguardanti la "qualità e la coerenza della strategia e le caratteristiche del partenariato locale", punteggi medio alti che lo ponevano ai primi posti nella graduatoria, mentre è stato penalizzato dai criteri oggettivi riguardanti le caratteristiche e il grado di ruralità del territorio interessato dal Psl (Piano di Sviluppo Locale).

A tale progetto ha lavorato nei mesi estivi, per conto del Comune di Scicli, l´assessore alla Programmazione, Giorgio Vindigni. Il problema è stato rappresentato dal fatto che il Comune di Pozzallo non rispettava le caratteristiche del Psl. Ciò ha causato l´eliminazione del Gal "Terre Barocche", che non ha raggiunto il punteggio minimo di 42 punti, fermandosi poco sotto, a 41,21. Fatto paradossale, escludendo il Comune di Pozzallo sarebbe stato raggiunto il punteggio di 42,46, e il Gal sarebbe diventato fattibile.

I sindaci dei cinque comuni interessati al Gal, su consiglio del sindaco di Ispica, Piero Rustico, hanno deciso di non ricorrere al Tar, ma di chiedere, anche grazie al fattivo impegno dell´on. Nino Minardo, all´assessore regionale all´agricoltura Michele Cimino, di recuperare il Gal Terre Barocche ed, eventualmente, in seconda battuta, indire un nuovo bando. L´assessore Cimino ha garantito alla delegazione dei sindaci iblei l´impegno per il recupero del finanziamento del Gal.