Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 835
SCICLI - 14/07/2009
Attualità - Scicli: le forze dell’ordine interrompono il concertino di un "clochard"

Sampieri, la frazione dei fracassoni. C´è chi può e chi no

Ma dagli chalet la musica viene pompata ogni notte fino all’alba. Di recente si era registrato un giro di vite. Non è bastato Foto Corrierediragusa.it

Si infiamma la notte di Sampieri e finisce quasi in rissa verbale. I giovani villeggianti rivolgono epiteti poco eleganti a Carabinieri e Polizia municipale, arrivati in forze per interrompere il concerto improvvisato, e non autorizzato, di Aristide Poidomani sul lungomare della frazione sciclitana. Il «clochard», con l’inseparabile chitarra ed una amplificazione artigianale, disturbava la quiete di chi anela il silenzio. Poidomani è stato trovato in possesso dell’autorizzazione a suonare valida solo per il territorio del comune di Modica, e non anche per quello di Scicli, dove Sampieri si trova.

I Vigili urbani, sollecitati ad intervenire da qualche residente poco convinto dalle note di Aristide, non hanno svolto altro che il loro dovere, coadiuvati dai Carabinieri. Aristide Poidomani, che suona per racimolare qualche spicciolo, è stato costretto a smontare tutto e a far ritorno a casa tra le proteste dei villeggianti più giovani, anche perché il suo concerto si avviava alla conclusione poco prima di mezzanotte. Il paradosso di Sampieri è tuttavia un altro. E’ appena cominciata l’estate e dall’una di notte in poi impazza la musica negli chalet. Musica che continua fino all’alba, quando già alle 2 dovrebbe regnare il silenzio più assoluto.

A questo punto è lecito chiedersi: perché ciò che non è permesso al singolo per tirare a campare, può essere consentito ai titolari degli chalet, che «violentano» la frazione con la forza dei decibel, facendola franca il più delle volte? Eppure un giro di vite era stato dato qualche settimana fa dai Carabinieri. Evidentemente non è stato sufficiente.