Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 889
SCICLI - 26/07/2016
Attualità - La vicenda sembrerebbe chiusa a meno di ulteriori sviluppi

Revoca autorizzazione impianto Cuturi

La motivazione su cui si basa la revoca resta tutta nell’elaborato 20 allegato alla richiesta di autorizzazione Foto Corrierediragusa.it

L’impianto di trattamento dei rifiuti speciali di contrada Cuturi non si farà. L’assessore regionale al Territorio Maurizio Croce ha infatti firmato il decreto di revoca all’autorizzazione precedente concessa alla Acif, la ditta che gestisce la struttura. L’assessorato aveva già sospeso il provvedimento di autorizzazione, ma il ricorso della ditta al Tar aveva portato alla sospensiva per vizi di forma, fatto che aveva ancora una volta dato vita a preoccupazioni in città. Con la firma del decreto di revoca dell’autorizzazione concessa il 4 maggio dello scorso anno la vicenda, a meno di ulteriori ricorsi da parte dell’impresa, dovrebbe essere chiusa. La motivazione su cui si basa la revoca resta tutta nell’elaborato 20 allegato alla richiesta di autorizzazione presentato dalla Acif. Si tratta del «protocollo di miscelazione» e del piano di "gestione operativa» che nel corso dell’esame della pratica è stato presentato successivamente dalla ditta e valutato negativamente dai funzionari dell’Arpa perché «i criteri gestionali non consentono una efficacia azione di monitoraggio e controllo».

Inoltre l’elaborato 20 introduce «diversi e numerosi codici di rifiuti non valutati dall’assessorato in sede di rilascio dell’autorizzazione in data 4 maggio del 2015». Dunque secondo l’assessorato non essendo il progetto stato valutato nella sua interezza perché prodotto in un momento successivo (il 30 giugno scorso) e trattandosi di modifiche sostanziali non sottoposte all’esame dell’assessorato stesso, si è proceduto alla revoca del provvedimento. La notizia, comunicata dal deputato del Pd Nello Dipasquale, ha fatto già il giro in città soprattutto tra quanti sono stati in prima linea per evitare che l’impianto di trattamento della Acif fosse realizzato. La campagna di mobilitazione della città, gli interventi all’Ars e le pressioni di amministratori e associazioni ha prevalso alla luce della firma della revoca da parte dell’assessore all’Ambiente.

Nella foto la manifestazione pubblica organizzata di recente a Scicli contro l´ampliamento dell´impianto di trattamento rifiuti di contrada Cuturi