Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 736
SCICLI - 22/07/2016
Attualità - Parere espresso dall’Ufficio tecnico a seguito della delibera approvata dalla triade commissariale

Il no di Scicli a ricerche petrolifere e trivellazioni

Parere inviato al Libero Consorzio di Ragusa, alla Regione ed al Ministero dei Beni Culturali e Ambientali Foto Corrierediragusa.it

Parere negativo al progetto di ricerca idrocarburi nel territorio di Scicli, denominato «Rilievo geofisico 3D Scicli» e finalizzato alla prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi grazie ad un’ attività di trivellazioni. Il progetto è stato presentato dalla Irminio Srl, già operante nel territorio ibleo. "Le ragioni del parere negativo - recita una nota del Comune di Scicli- sono da imputare alla valutazione dell’alta valenza paesaggistica, archeologica e architettonica del territorio interessato dalle ricerche.

Peraltro, nella richiesta avanzata dalla società petrolifera, non sono indicati nel dettaglio quali saranno i punti di rilievo dell´ attività di ricerca che interessa i centri abitati di Scicli e delle frazioni di Donnalucata, Cava D´ Aliga e Sampieri. L´ area in questione, per circa settanta chilometri quadrati, è in gran parte tutelata da numerosi e qualificati vincoli». Il parere negativo è stato espresso dal capo settore Urbanistica e Ecologia del Comune, in seguito alla delibera della Commissione straordinaria dell´ 8 luglio scorso che impartiva apposito atto di indirizzo, affinchè, nella redazione del parere tecnico venissero valutate le circostanze ostative all´ approvazione del progetto di ricerca di idrocarburi proposto dalla Irminio srl.

Il parere è stato anche inviato al Libero Consorzio di Ragusa, alla Regione ed al Ministero dei Beni Culturali e Ambientali. Il no è stato motivato con la vocazione turistica del comune, la presenza di aziende agricole sul territorio, e che il Piamo Paesaggistico prevede livelli di tutela 1 e 2 a salvaguardia del paesaggio.