Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 854
SCICLI - 04/04/2016
Attualità - Quaranta partecipanti, ha vinto il Gruppo Balatelle, al Gruppo Alfieri il premio della Stampa

Una cavalcata di colori per il centro storico di Scicli

L’appuntamento si è confermato di grande richiamo e di pregevole originalità Foto Corrierediragusa.it

E’ stata una vera e propria infiorata a cavallo. La cavalcata di s. Giuseppe ha messo in mostra la sapiente opera dei fioristi e dei bardatori sciclitani che hanno «addobbato» con violacciocche, panzè e fiori di campo i quaranta cavalli che hanno dato vita alla cavalcata di s. Giuseppe. Un appuntamento molto sentito e vissuto intensamente non solo dalla città ma anche dai tanti turisti convenuti nel centro storico. La sfilata davanti al palco della giuria in piazza Italia ha visto tutti i cavalli bardati a festa accompagnati dai gruppi vestiti in abiti tradizionali. Un quadro da sacra famiglia che ha arricchito la festa. I partecipanti hanno dato il meglio di sè, si sono sbizzarriti in composizioni spesso azzardate ma alla fine il risultato è stato molto apprezzabile. Ha vinto con una presentazione molto in tema, quasi verticale con tanto di baldacchino a cavallo, il Gruppo Balatelle (foto) (N.56) composto da Davide Marinero, Marco Pacetto, Giuseppe Lorefice, Giuseppe Marinero, Flavio Agolino, Dino Asta, Bartolo Magro, Stefano Verdirame, Gianluca Cintoli, Giuseppe Pacetto, Alessio Pacetto, Angelo Pacetto, Danilo Carbone (designer), Francesco Marinero, Giovanni Marinero, Giacomo Di Silvestro (ingegnere). I piccoli bardatori: Angelo Marinero, Alex Lorefice, Josuè Verdirame, Valerio Pacetto, Salvatore Asta.

Il neo istituito premio della Stampa è andato al Gruppo Alfieri. La festa in onore di S. Giuseppe è poi proseguita domenica con la processione accompagnata sempre da cavalli e cavalieri. La festa riproposta in questi ultimi anni dall’associazione «Patriarca, Tradizione, Folklore» si conferma grande attrattore per la città grazie ad un evento unico ed originale.