Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 873
SCICLI - 01/04/2016
Attualità - Attesa per la tradizionale sfilata in calendario sabato, quest’anno partecipano 40 gruppi

La cavalcata di S. Giuseppe riempie Scicli di colori

I bardatori sfilano in abiti tradizionali e guidano i cavalli ricoperti di mantelli di fiori Foto Corrierediragusa.it

A Scicli è l’ora della cavalcata. L’appuntamento arriva in ritardo di due settimane per la coincidenza con la domenica delle Palme e la domenica di Pasqua. I tanti devoti e appassionati della cavalcata di S. Giuseppe hanno dovuto attendere ma la cavalcata 2016 è stata preparata con grande cura e attenzione da parte del comitato organizzatore «Patriarca, Folklore e Tradizione», di cui è presidente Daniele Afano. I partecipanti sono 40 e saranno presentanti in piazza Italia. Al vincitore andrà il premio istituito dal comune. I bardatori dei cavalli sono i protagonisti della festa, sfilano in abiti tradizionali agitano lunga la sfilata la «ciaccara», i cavalli con le coperture variopinte in onore del Patriarca S. Giuseppe.

Ogni cavallo viene presentato al meglio per la sfilata che si snoda per il centro storico e comporta un investimento economico non indifferente per i costi di fiori di prima qualità. Le violacciocche sono intessute su trame di iuta per un effetto cromatico in «alta definizione». La cavalcata rievoca la biblica fuga in Egitto della Sacra Famiglia e storicamente accompagnava un dramma sacro nel Medioevo. Il programma prevede alle 18 il raduno in via S. Giuseppe e l’inizio della festa. Alle 19.30 il concentramento in piazza Italia. Alle 20.30 la partenza per la sfilata insieme alla Sacra Famiglia e l’accensione del falò di s. Giuseppe. Alle 22.30 il rientro a S. Giuseppe.

Domenica si svolgerà la parte religiosa della festa, con la statua di San Giuseppe portata in processione e la sera la tradizionale «Cena di San Giuseppe», con la vendita all’asta dei doni offerti al Santo Patriarca.