Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 507
SCICLI - 17/01/2016
Attualità - Alla commissione prefettizia è stato chiesto di rivedere l’ordinanza

Troppe strisce blu, a Scicli monta la polemica

Sono in tutto 233 e coprono tutta l’area del centro storico anche a scapito dei residenti Foto Corrierediragusa.it

Se 233 stalli non vi sembrano un pò troppi. Monta la polemica per l´istituzione delle strisce blu tanto che si fanno forti le pressioni sulla Commissione straordinaria che ha adottato l´atto perchè venga istituito, come chiedono gli ex consiglieri comunali Guglielmo Scimonello e Antonino Castronuovo, il nuovo ´Piano della sosta´: strumento che regola i parcheggi a pagamento nel territorio comunale, tenendo conto dei bisogni dei cittadini, dei commercianti e dei lavoratori che risiedono o gravitano su Scicli. Molti residenti hanno rilevato anche che destinare alla sosta a pagamento ampie zone di corso Garibaldi, l´intera via Nazionale, piazza Italia, piazza Mazzini, o metà di via S. Bartolomeo o il lato destro di S. Maria La Nova è una scelta punitiva proprio per chi abita in quelle zone ad alta densità. Anche la possibilità di usufruire dell´abbonamento mensile, 60 euro o 30 euro per i residenti fa emergere la differenza tra chi abita in centro e chi invece vi lavora o ha una attività commerciale. Nè convince la scelta di rendere tutta libera la Stradanuova.

Insomma un piano che va rivisto perchè non venga percepito come un modo per fare cassa al di là della opportunità di rendere la città più ordinata e con aree destinate all´utilizzo delle zone blu da parte dei turisti, come accade in tutti gli altri centri iblei. C´è poi un altro aspetto che va considerato dopo l´istituzione della zone blu. Non si vedono infatti vigili in giro o ausiliari della sosta e allora vien da chiedersi che controlla che i ticket vengono pagati e diventino così anche un risorsa per l´ente.