Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 569
SCICLI - 16/08/2008
Attualità - Scicli - L’opera concorre a «Epizephiry Film Festival 2008»

Scicli: cortometraggio della Fava

«Puoi farcela anche tu!» è stato realizzato anche dagli studenti Foto Corrierediragusa.it

Il cortometraggio realizzato da Daniela Fava (nella foto), insieme con gli studenti dell’Ipa di Scicli, istituto d’istruzione superiore dove insegna, ha superato le selezioni, concorrendo a «Epizephiry Film Festival 2008». Il lavoro cinematografico non è giunto sul «podio», ma per gli allievi e la loro docente si tratta ugualmente di una strepitosa vittoria. Si tratta degli studenti delle classi terza, quarta e quinta dell’Istituto superiore per l’Agricoltura di Scicli. Il premio le è stato conferito in Calabria dove si svolge, ogni anni, l’importante kermesse cinematografica.

«Puoi farcela anche tu!»: questo il titolo del cortometraggio. Si tratta di una storia drammatica, frutto ovviamente d’invenzione, di un adolescente vittima della droga. Il personaggio è stato interpretato dallo studente Damiano Bonincontro. Nel «corto», il giovane diventa tossicodipendente dopo la morte della madre.

L’aiuto del migliore amico del giovane drogato, interpretato dall’allievo Giovanni Damiante, di una compagna di classe, la studentessa Corrada Fidone, e di una docente, interpretata dalla stessa regista Daniela Fava, sarà indispensabile per aiutare a far uscir fuori il protagonista dal tunnel della droga.

«Sull’argomento centrale dell’adolescenza ? ha dichiarato la professoressa Fava ? sono stati abbinati i temi dell’amicizia sincera, le riflessioni dei genitori, il dolore del padre per la scoperta della cattiva strada percorsa dal figlio dopo il grave lutto subito e il valore della scuola come palestra di vita. Il successo ? conclude ? di questa prima esperienza, mi ha indotta a progettare un nuovo cortometraggio che sarà girato a Ispica e a Pozzallo, sempre per la produzione di Salvatore Fugali, e con la partecipazione questa volta di due ispicesi: Carmelo e Tina Di Rosa».

La produzione del cortometraggio è stata appunto affidata a Fugali, le musiche sono state composte dal dirigente scolastico, il maestro Sergio Carruba. Mentre, il professore Clemente Floridia ha interpretato il ruolo del padre del tossicodipendente. Le riprese, gli esterni, sono state effettuate nella città di Scicli. Mentre, le riprese interne sono state girate nell’istituto Agrario.

Fava è inoltre una scrittrice affermata. La sua opera prima s’intitolava:«Storia di un amore infelice». Un romanzo breve e delicato, che non include il classico lieto fine. E, nonostante siano presenti tutte le componenti dell’amore ideale e romantico, la scrittrice non sottrae l’epilogo da quella che, la maggior parte delle volte si rivela, la dura e cruda realtà.

Laureata in Lettere, la professoressa Fava scrive sin dalla tenera età: alle elementari componeva già le prime poesie e scriveva brevissime storie per gli amici del suo quartiere.