Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 476
SCICLI - 16/10/2015
Attualità - I Ministeri della Salute e dell’Economia hanno "censurato" il documento della Borsellino

Se la Lorenzin vuol chiudere il "Busacca"!

Nel mirino le piccole strutture pubbliche e private. A rischio le assunzioni Foto Corrierediragusa.it

Il ministro Beatrice Lorenzin (foto) ha chiesto il taglio di 400 posti letto in Sicilia. La dotazione contenuta nel piano sanitario elaborato dall´allora assessore Lucia Borsellino è troppo alta in rapporto alla popolazione residente. Sotto la scure del Ministero per la Sanità sono finiti i posti per acuti e nel dettaglio sei ospedali. Tra questi anche l´ospedale "Busacca" di Scicli insieme agli ospedali di Ribera, Mazzarino, Leonforte, Barcellona e Salemi. Sono infatti le strutture sanitarie dove sono stati destinati i posti letto per acuti ma non "salvabili" perchè troppo sottodimensionati. Inoltre il ministro chiede la chiusura della cliniche convenzionate mono specialistiche. La Lorenzin non è affatto persuasa dello "stratagemma" pensato in commissione Sanità all´Ars di salvare i piccoli ospedali creando gli "ospedali riuniti", come per esempio Modica e Scicli e Vittoria-Comiso. Nell´elenco degli ospedali da chiudere non figura Comiso per il cui futuro, nel frattempo, è stato individuato un presidio sanitario di Emergency come proposto dal suo fondatore Gino Strada che ne farebbe un ospedale no profit. Il tema sanità diventa dunque caldissimo non solo in periferia ma anche a Palermo visto che la bocciatura del Ministero impone scelte drastiche nonostante le rassicurazioni dell´assessore Baldo Gucciardi, che, da parte sua, ha visto nella fuga di notizie sul piano sanitario un pericolo per una conclusione della trattativa con Roma. Resta poi in ballo il piano sanitario elaborato dall´Asp 7 di Ragusa, che se dovessero essere confermate le indicazioni romane, imporrebbe ulteriori tagli a strutture complesse e primariati. Se non è tutto da rifare, ci siamo quasi.

SANITA´ IN SICILIA: TUTTO DA RIFARE (O QUASI)
Ospedali pubblici, cliniche private e piante organiche: è tutto da rifare. Con una nota congiunta, e molto dura, del Ministero della Salute e del Ministero dell´Economia, il governo Renzi ha «bocciato» il Piano della rete ospedaliare di Lucia Borsellino, approvato nel gennaio del 2015. Un documento che delinea la distribuzione dei posti letto nell´Isola, così come la chiusura e l´accorpamento di aziende ospedaliere e unità operative e complesse. E i rilievi adesso rischiano di far saltare in aria il progetto per le cinquemila assunzioni nella Sanità siciliana. È proprio sulla rete ospedaliera, infatti, che si basa la predisposizione delle dotazioni organiche che avrebbero dovuto aprire, appunto, ai concorsi.

Il Piano della rete ospedaliera, come detto, è stato pubblicato con decreto dell´assessore Borsellino il 14 gennaio del 2015. Alla fine, a dire il vero, di un lungo e complesso iter. Che ha visto anche come attori principali, molti deputati dell´Assemblea regionale, che non hanno fatto mancare il proprio «pressing» legato a logiche soprattutto territoriali. E quindi, almeno potenzialmente, elettorali.

Di certo c´è che, secondo i ministri Beatrice Lorenzin Pier Carlo Padona e – aspetto quasi paradossale – secondo anche i rilievi dell´Agenas, proprio l´agenzia nella quale adesso Lucia Borsellino svolge un ruolo di primo piano, il Piano «prevede alcuni elementi di novità che tuttavia non appaiono risolutivi delle criticità evidenziate» nei precedenti incontri tra la Regione e il governo nazionale. Il direttore generale della Programmazione sanitaria Renato Botti, che firma il documento con i rilievi, sottolinea il «permanere dell´eccessiva frammentazione dell´offerta ospedaliera siciliana. «Tale criticità – si legge nel documento – comporta, tra l´altro, la difficoltà di individuare reti per le patologie complesse tempo-dipendenti che rispondano ai reuisiti di efficacia ed efficienza».

Questo, in generale. Ma il governo nazionale ovviamente scende nel dettaglio. E i rilievi sono parecchi. A cominciare dalla scelta di mantenere in vita strutture pubbliche e private «monospecialistiche» nonostante il numero di interventi sia inferiore a quello fissato dalle soglie ministeriali. Si fa riferimento in particolare alle strutture psichiatriche e ai punti nascita siciliani. E il ministero sembra lanciare un monito, probabilmente indirizzato al dialogo intrapreso dall´assessorato con l´Associazione delle cliniche private (Aiop): «La definizione del fabbisogno assistenziale, organizzativo e strutturale – scrive il governo Renzi – è di esclusiva competenza regionale e non può essere basato sulla proposta da parte di un soggetto o associazione esterna alla regione».

Sulla rete ospedaliera, come detto, non sono mancate le pressioni della politica. Che si sono concretizzate nell´intervento della commissione Salute dell´Ars alla quale è stato attribuito anche il compito di valutare tutte le unità operative sia semplici che complesse del Sistema sanitario regionale, sia nel settore pubblico che nel settore privato. Una valutazione che avrebbe dovuto condurre alla rimodulazione dei posti letto per acuti (quelli economicamente più vantaggiosi) e alla «rifunzionalizzazione» dei nosocomi in Ospedali di comunità (cioè presidi con funzioni quasi unicamente assistenziali). Il problema è che nel Piano, la Regione non prevede la tempistica. Cioè non spiega quando questa valutazione debba concludersi. Col rischio di mantenere lo stato transitorio per troppo tempo. Ma non solo. Nel Piano mancherebbe anche la distribuzione dei posti per «acuti» per singolo presidio e non sono stati individuati gli ospedali da riconvertire in ospedali di comunità.

A questo proposito, i ministeri «bocciano» anche l´ipotesi di mantenere in vita come veri e propri ospedali (e non come strutture territoriali) le strutture di Ribera, Mazzarino, Giarre, Leonforte, Barcellona, Scicli e Salemi. Una scelta incomprensibile, secondo il governo nazionale, perché l´attività in presìdi di così piccole dimensioni metterebbe «a rischio la sicurezza dei pazienti». Contestati anche alcuni errori nelle «somme» dei posti letto. Mentre in alcune Asp, l´ultimo Piano prevede posti letto in più rispetto a quelli previsti dalle tabelle originarie. Un caos.

Al quale vanno aggiunte le altre contestazioni. A cominciare da quelle relative alla Rete dell´emergenza territoriale del 118, «in particolare – scrivono i ministeri – riguardo l´assetto dei mezzi di soccorso di base e avanzati per territorio governato dalla Centrale operativa di competenza, il loro numero e la tipologia, attuale e programmata, compreso un aggiornamento sulle prospettive di implementazione delle automediche: quante, quali e dove siano già state attivate». E ancora, ecco il capitolo Pta, finiti anche al centro di inchieste giudiziarie. Quei centri, ricorda il governo nazionale, «devono contenere unicamente atività di tipo territoriale e non attività di emergenza-urgenza».

Questi i rilievi. Ma già da adesso ci si interroga sulle conseguenze. Quelle, cioè, che riguarderanno i piccoli ospedali, che il Ministero ha chiaramente destinato alla chiusura, alla ridefinizione dei posti letto, alla determinazione delle strutture interne agli ospedali (aspetto che riguarda, ovviamente, anche la nomina di primari e dirigenti). Ma soprattutto, in bilico adesso sono, chiaramente, gli annunciati nuovi concorsi nella Sanità siciliana. Mentre dall´assessorato sembrano piovere nuove contestazioni sulle piante organiche delle aziende, quelle stesse dotazioni sono basate proprio sui dati della rete ospedaliera. Quella che, secondo il governo nazionale, è quasi da riscrivere.

Accursio Sabella - Livesicilia


Numero uno
14/10/2015 | 20.49.10
Antonio

Grande Crocetta. Come farebbe la Sicilia senza di lui.