Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1104
SCICLI - 01/10/2015
Attualità - Tutte le società in difficoltà, il ticket passa da 8,90 a 26,60 euro l’ora

A Scicli i costi per gli impianti sportivi sono stati triplicati

Per un utilizzo medio di 20 ore mensili ogni società dovrà accollarsi un costo di 500 euro Foto Corrierediragusa.it

Quasi 27 euro l´ora per usufruire delle strutture sportive della città. E´ la tariffa che hanno imposto i commissari prefettizi a partire da oggi. Il ticket passa dunque da 8,90 euro a 26,60 euro con un adeguamento praticamente triplicato. E´ l´ennesimo aumento dopo quello degli asili nido, della tassa di soggiorno. Basti ricordare che per il nido comunale la tassa è stata portata a 181,62 euro per tutti, senza più alcuna distinzione delle fasce di reddito. Per l´associazione Start Scicli si tratta dell´ennesimo "segnale, semmai fosse rimasto qualche dubbio, della volontà di portare alla chiusura della struttura Si compie così un ulteriore passo verso il disfacimento dei servizi sociali del nostro Comune, scavalcando fondamentali principi di civiltà, eticità, equità, giustizia». Gli impianti tra l´altro si trovano in condizioni fatiscenti perchè in molti casi manca l´acqua calda, i bagni sono sporchi, gli impianti elettrici non a norma.

Il presidente dell´Atletico Scicli, Giuseppe Arrabito fa quattro conti «Quando una società utilizza l’impianto per circa 20 ore al senza tenere conto delle ore del settore giovanile, facendo i conti, deve pagare circa 500 euro al mese. Ditemi voi come fare. E questo vale per tutti gli impianti sportivi comunali. Non posso dire come reagiranno le altre società ma certamente questa stagione segnerà per lo sport locale l’inizio di perdite di società. C’è il rischio serio di mandare in default le società che svolgono attività".