Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 807
SCICLI - 30/09/2015
Attualità - Sarà rievocata la tragedia del 30 settembre 2013

A Sampieri si gira un docufilm sulla strage dei migranti

«A me resta la speranza!», scritto e diretto da Virginia Barrett Foto Corrierediragusa.it

L’associazione Naschira, da tempo impegnata a livello nazionale ed internazionale con progetti artistico culturali a sfondo sociale, nei giorni 2, 3 e 4 ottobre girerà sulla spiaggia di Sampieri il docufilm dal titolo «A me resta la speranza!», scritto e diretto da Virginia Barrett, e tratto dall’omonimo monologo teatrale andato in scena a Roma e Salerno, con musiche originali composte da Marco Guccione, musicista comisano e Maurizio Indelicato, musicista e cantante lirico di Castelvetrano, interpretate da Amedeo De Paolis e il Gospel Choir diretto dal M° Roberto Del Monte, con Marcia Sedoc e Michele Celeste della Compagnia Officina Teatro di Caltanissetta come protagonisti e la partecipazione straordinaria di alcuni ragazzi sbarcati sulle coste siciliane e inseriti nell’organico della Compagnia di Michele Celeste.

La Fotografia sarà affidata ad Alessandro Caiuli, romano di nascita ma siciliano di adozione con alle spalle ben 150 film tra i quali, Il Gladiatore, The Passion, La leggenda del pianista sull’Oceano ecc.; il Montaggio, invece, a Raimondo Crociani, Premio David di Donatello per il montaggio di diversi film di Ettore Scola. Il docufilm sarà impreziosito dalle scottanti immagini inedite di uno sbarco di migranti avvenuto sulle coste ragusane e sarà presentato in vari Festival Cinematografici Internazionali. Durante lo sbarco avvenuto il 30 Settembre 2013, con un peschereccio non avvistato dalla guardia costiera, persero la vita 13 migranti.

Il progetto cinematografico racconta diverse tragedie avvenute tra Lampedusa e Scicli, i territori siciliani maggiormente colpiti, ispirandosi ad uno straordinario articolo di Claudio Magris sull’indifferenza e l’assuefazione al dolore, pubblicato sul Corriere della Sera nell’estate del 2011 in occasione di un drammatico sbarco nei pressi di Lampedusa.