Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 1116
SCICLI - 10/09/2015
Attualità - La mostra ospitata nei locali del "Brancati" ha registrato grande successo di pubblico

Piero Guccione pittore dei luoghi e dell´anima

Una conversazione tra Paolo Nifosì e Giuseppe Pitrolo ha chiuso "Amori" Foto Corrierediragusa.it

Una conversazione sull´arte e dintorni ha concluso la mostra "Amori" che è stata ospitata per un mese presso il circolo "Brancati". Sono stati Giuseppe Pitrolo e Paolo Nifosì (nella foto: da sin.) a condurre per mano i presenti lungo i sentieri artistici che le 60 opere in mostra di Piero Guccione aprono a quanti vi si avvicinano. Fiori, d´apres, mare, ritratti, campagna, impegno civile sono i temi dominanti di una mostra che ha puntato, come ha evidenziato Giuseppe Pitrolo, su opere di dimensioni contenute, spesso donate dal pittore sciclitano agli amici più cari. Paolo Nifosì ritrova tutta l´intimità di Guccione nelle grafiche e nei pastelli esposti, un percorso artistico sviluppatosi sin dal ritorno del maestro nel suo buen retiro ibleo. Un pittore che ha saputo reinterpretare la luce nella migliore tradizione dell´arte moderna, al quale non sono sfuggiti momenti e oggetti che connotano il territorio e lo rendono unico.

Per Nifosì questo andare dal locale all´universale è la cifra della vera arte e Piero Guccione ne è stato grande interprete quando, per esempio, nel "Ricordo del mio paese rosso", rappresenta con lo sfondo di S. Matteo e lo sventolio di una bandiera del Pci quasi 50 anni di storia contemporanea. Guccione è stato anche interprete delle tragedie della società attuale con un mare che non è solo luce, intensità, colori ma anche tragedia come in "Courbet e l´altra faccia del Mediterraneo". Sono gli "Amori" di Piero Guccione, cui il Brancati, di cui il maestro è stato primo presidente, ha reso omaggio dopo la mostra delle grandi tele ospitata all´ex convento del Carmine a Modica. Due facce della stessa arte, autentica, vera, non contaminata dalle mode ma ispirata da una grande sensibilità e passione.