Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 536
SCICLI - 30/08/2015
Attualità - Nello spettacolare scenario della cava di S. Bartolomeo la 5a edizione del Sicily Fest

Scicli si infiamma e balla al suono della taranta

Un tripudio di suoni e brani, ricchi di ritmi coinvolgenti che hanno invogliato a ballare e lasciarsi andare alla musica
Foto Corrierediragusa.it

Oltre 5 mila persone nella cava di s. Bartolomeo per il "Taranta Sicily Fest" (nella foto). Tutte insieme a cantare e soprattutto a ballare con il chiarore della luna piena e con il sound mediterraneo delle tammurriate e della taranta. Tantissimi i turisti, tantissimi gli spettatori arrivati da tutta la Sicilia per quella che è l’edizione record di una manifestazione nata quasi per caso. In apertura della serata, presentata da Giovanni Giannone, una gradita sorpresa per il pubblico del «Taranta Sicily Fest». Ad esibirsi è stata la giovanissima cantante Sofia Gentile che ha presentato l’allegra canzone «La tarantola» cantata allo Zecchino d’Oro. Un primo omaggio per cedere il posto alla ricerca di musica popolare del primo gruppo ospite, le «Malmaritate», il gruppo tutto al femminile prodotto da Carmen Consoli. Tra canti siciliani e tammurriate campane, ma anche brani di impegno sociale contro il femminicidio, le «Malmaritate» hanno aperto le danze nel segno della tradizione. A seguire, e fino a tarda notte, spazio alle sonorità del Salento grazie alla presenza del gruppo «I Calanti» nato anni fa in Puglia dai nonni degli attuali componenti. Un tripudio di suoni e brani, ricchi di ritmi coinvolgenti che invogliano a ballare e lasciarsi andare alla musica.

Si balla nella calda serata di fine agosto mentre la facciata barocca della chiesa di San Bartolomeo emerge in tutta la sua bellezza illuminata dai colorati fasci di luce che si contrapponevano alla luce della straordinaria luna piena proprio sopra il campanile. Non solo cava San Bartolomeo stracolma di gente, ma anche tutto il centro storico di Scicli con locali e strutture turistiche che hanno registrato il tutto esaurito e migliaia di persone che hanno approfittato dell’evento per conoscere i monumenti barocchi.