Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 925
SCICLI - 30/03/2015
Attualità - La situazione è diventata molto più grave di prima

Nuova sorgente nella spiaggia di Micenci

Per alcuni residenti la causa dell’impaludamento è l’abbassamento del livello della sabbia Foto Corrierediragusa.it

Una seconda sorgente è spunta sul lido di Micenci a Donnalucata (foto). Proprio quando si pensava di irreggimentare la sorgente che da oltre un anno immette acqua dolce sull´arenile, a circa 50 metri dalla prima sorgente si è aperta una seconda fonte piuttosto copiosa. Evidenti i danni per la spiaggia che è invasa dall´acqua e ormai alla stregua di una palude. Ora il tratto del lido di Micenci ha un fronte di oltre 200 metri con tutte le conseguenze del caso. La seconda bocca non è stata ancora segnalata e circoscritta e bisognerà far presto almeno per mettere in allarme quanti passano da quelle parti e scongiurare pericoli possibili per le persone. Basti pensare che a dicembre una turista ha rischiato di restare prigioniera nella sorgente per il cedimento dell´arenile. Sta di fatto che nessuno è ancora in grado di spiegare cosa succede a Micenci. Per alcuni residenti la causa dell´impaludamento è l´abbassamento del livello della sabbia che nel corso degli anni è stata portata via dagli agenti atmosferici ma anche dall´uomo. Non si hanno notizie di interventi mirati e di ipotesi progettuali per cercare di riportare l´arenile al suo stato originario anche se le discussioni egli esperti non si contano.

Il manifestarsi della seconda sorgente di acqua dolce potrebbe far pensare ad un fenomeno destinato ad estendersi e certamente già da questa estate i tanti residenti e i molti bagnanti dovranno fare i conti con una spiaggia che ha perso le sue caratteristiche più naturali.