Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 783
SCICLI - 18/11/2014
Attualità - Senza contratto non si riapre

La Scicli di Montalbano resta senza cinema

Nonostante campeggi la locandina dell’ultimo film di Ficarra e Picone Foto Corrierediragusa.it

Scicli, famosa location del commissario Montalbano, di nuovo senza il suo Cineteatro Italia (foto). Manca la firma al contratto tra il comune (proprietario della struttura acquistata nel 1999) e la ditta Corrado Calvo, che ha vinto l’ultima gara di appalto per la gestione. La struttura, dopo la pausa estiva, non ha più ripreso e da tre mesi il gestore attende la firma del contratto per ripartire, con tanto di locandina del film dell’anno di Ficarra e Picone, esposta all’esterno. I solleciti verso palazzo di città non sono mancati da parte della ditta che gestisce in provincia altri due cinema (Pozzallo e Ispica). Ma ad oggi tutto è bloccato. Ma cosa impedisce la firma del contratto? Praticamente nulla (o quasi); abbiamo appreso dal comune solo motivi di ordine burocratico. La cosa ci viene confermata dal consigliere comunale Salvatore Carbone che ha presentato un’interrogazione. «Oltre alla firma del contratto – spiega Carbone – mancano le autorizzazioni per l’agibilità dell’impianto che arrivano solo dopo la presentazione di una scheda tecnica che sta preparando l’ufficio comunale preposto». Intanto i rapporti tra il comune e la ditta Calvo sembrano destinati a deteriorarsi, visto che il gestore ha chiesto un risarcimento danni per la mancata proiezione delle pellicole. In particolare, proprio per ‘Andiamo a quel paese’.

Per attirare l’attenzione dell’opinione pubblica, la ditta Calvo, sulle bacheche poste sulla facciata del cinematografo, ha affisso le locandine di un film che a Scicli nessuno potrà mai vedere e dove, avrebbe fatto come altrove, il tutto esaurito. Né è sicuro Corrado Calvo, rammaricato anche dal fatto una parte della pellicola, è stata girata a Scicli. Lo stesso gestore, ha invitato, polemicamente, gli sciclitani a spostarsi a Pozzallo per godersi il film. Scicli, dunque, è di nuovo rimasta senza cinema.