Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 722
SCICLI - 13/06/2008
Attualità - Scicli - Dopo un’attesa durata anni

Inaugurata la nuova caserma dei Carabinieri di via Emmolo

La piena operatività dovrebbe concretizzarsi il mese prossimo Foto Corrierediragusa.it

L´attesa è stata davvero lunga ma ne è valsa la pena: Scicli ha la sua nuova caserma dei carabinieri. La struttura, realizzata in via Ignazio Emmolo, nei pressi della zona artigianale, si trova in una zona più baricentrica rispetto a quella vecchia di Tagliamento.

I lavori, iniziati nel 2001 sono terminati il 24 aprile scorso con il collaudo e la consegna dei locali all’amministrazione comunale. Mercoledì sera c’è stata l’inaugurazione alla presenza, tra gli altri, dei rappresentanti delle istituzioni locali ed i tecnici progettisti (nella foto). La nuova sede è destinata ad ospitare la tenenza carabinieri.

Si tratta di un’opera attesa in città, soprattutto, a seguito della recrudescenza di episodi criminosi nel territorio. L’opera si estende su una superficie coperta di 2 mila e 200 metri quadrati ed ospita, oltre gli uffici, gli alloggi gendarmeria e un garage, di appartamenti per gli ufficiali. Il costo complessivo supera i due milioni di euro, compresa la messa in sicurezza della sovrastante collina.

Forse, già dal prossimo mese la caserma sarà operativa. Finalmente Scicli potrà contare su questa struttura moderna e funzionale, più rispondente alle mutate esigenze del territorio. «I meriti sono di tutti e di nessuno- ha detto il sindaco Bartolomeo Falla - e siamo tutti soddisfatti perché Scicli ha un’opera che le consentirà di stare più tranquillità sul piano della sicurezza e dell’ordine pubblico. Mi riferisco al potenziamento dell’organico con una maggiore presenza nel territorio dell’arma».