Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1572
SCICLI - 13/08/2014
Attualità - Per motivi di sicurezza

Sospese le attività di chirurgia al "Busacca" di Scicli

"Il personale medico e sanitario del «Busacca» – recita la nota dell’Asp 7 – continuerà a svolgere la sua attività nel reparto di chirurgia dell’ospedale «Maggiore» di Modica" Foto Corrierediragusa.it

Sospese per motivi di sicurezza dovuti a carenze strutturali, tecniche e non solo le attività del reparto di chirurgia all’ospedale «Busacca» (foto). Ne dà comunicazione l’Asp 7 dopo aver appreso di un giudizio espresso dai consulenti tecnici d’ufficio del tribunale di Ragusa nell’ambito di un processo penale sull’attività nella struttura e secondo cui «Il padiglione «I» del presidio ospedaliero presenta caratteristiche tecniche che non consentono lo svolgimento di attività di chirurgia». Stando sempre al parere del consulente, l’unità operativa di chirurgia «allo stato attuale non è in grado di garantire gli standard di sicurezza e assistenza». Sulla base di questo assunto, quindi, a tutela dell’incolumità dei pazienti e a garanzia del personale sanitario, in una nota la direzione aziendale chiarisce di aver disposto, con effetto immediato, la sospensione delle attività di chirurgia maggiore nel padiglione «I» dell’ospedale, sciclitano, ove sarà effettuata solo l’attività ambulatoriale.

«Il personale medico e sanitario del «Busacca» – conclude la nota dell’Asp 7 – continuerà a svolgere la sua attività nel reparto di chirurgia dell’ospedale «Maggiore» di Modica. Nella nota dell’azienda ospedaliera non si indica però quando la chirurgia tornerà ad essere operativa a Scicli, dopo la risoluzione delle problematiche che compromettono la sicurezza dei degenti e del personale medico ed infermieristico nel padiglione «I» della struttura ospedaliera.