Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 936
SCICLI - 30/07/2014
Attualità - Villeggianti e residenti rassegnati per l’inerzia degli amministratori

Erbacce ed insetti invadono la "palude" di Micenci

Genio Civile boccia progetto del canale di smaltimento acqua Foto Corrierediragusa.it

Non solo sabbia ma soprattutto erbacce. Vegetazione spontanea in quantità al lido Micenci (foto) sempre più interessato dal fenomeno dell´impaludamento. Le erbacce crescono a vista d´occhio ed hanno cominciato a coprire ampie fette di spiaggia soprattutto in corrispondenza della fuoriuscita dell´acqua dolce. Oltre alla sorgente da sempre presente sulla spiaggia, ed oggi recintata, a monte del lido l´acqua sorgiva scorre a fiotti da un altro punto ed invade l´arenile. La trasformazione è sotto gli occhi di tutti, a cominciare dai bagnanti: sabbia compatta, umida, con insetti a volontà e vari tipi di vegetazione che proliferano. Non ci sono prospettive perchè qualcosa cambi perchè l´ipotesi progettuale della creazione di un canale sotterraneo per lo smaltimento delle acque è stata bocciato dal Genio Civile per cui la situazione della spiaggia, almeno per questa stagione, non muterà. Se ne dovranno fare una ragione i frequentatori dell´arenile che sembrano ormai rassegnati rispetto all´inerzia degli amministratori. A Micenci un terzo della spiaggia resta vuota, abbandonata a se stessa, e gli ombrelloni si sono trasferiti alle estremità per evitare inopportune contaminazioni.

Sul perchè del fenomeno nessuno ha saputo dare ancora risposte chiare. Il sindaco ha insediato una commissione di esperti ma non è stata prospettata ancora alcuna ipotesi di lavoro. Un residente ha portato avanti le sue ricerche e le sue analisi ed ha suggerito al sindaco una possibile soluzione per contrastare il fenomeno dell´impaludamento. In una lettera recapitata in questi giorni il residente sostiene che il ristagno d´acqua deriva dalla mancanza di sabbia e che bisogna dunque provvedere a trasportare nelle zone dove si evidenziano avvallamenti e quindi impaludamenti grandi quantità di sabbia che nel corso degli anni sono state spostate da fenomeni atmosferici.

Basterebbe provare con un intervento in alcune zone per verificare l´efficacia dell´intervento. Per il momento a Micenci la palude resta con tanto di corredo di erba degna del migliore altipiano ibleo e non certo di una spiaggia.


Uomo vs Natura
01/08/2014 | 10.14.43
Carnesala

Il mare, la sabbia, anzi le dune, le erbaccie, anzi la vegetazione, preesistevano all´intervento legale o illegale, comunque invasivo, di ina inutile urbanizzazione. Il vero scandalo è l´aggressione al paesaggio ed al territorio, non i fastidi di chi si è andato a costruire la seconda o terza casa sulla spiaggia!