Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1255
SCICLI - 09/06/2014
Attualità - Preoccupano gli ultimi eventi delittuosi verificatisi nel territorio

Incendi, sequestri, arresti: Cgil turbata per il futuro di Scicli

Il sindacato chiede al sindaco Franco Susino la convocazione di un tavolo tecnico Foto Corrierediragusa.it

Negli ultimi mesi la città di Scicli è balzata alla cronache locali e regionali per fatti delittuosi che sicuramente non rendono giustizia alla storia e alla bellezza della città.

Locali della costa incendiati, interi litorali sequestrati per inquinamento, arresti per associazione mafiosa. Tutto questo in un periodo di crisi economica che riguarda ogni settore produttivo, dall´edilizia al commercio, dalle imprese artigiane alle Piccole e medie imprese., che sta aggravando la situazione occupazionale delle famiglie della città di Scicli. Più volte il Sindacato ha chiesto all´Amministrazione un’azione volta a (ri)creare un welfare locale attento agli effettivi fabbisogni della comunità in particolare riguardante le problematiche dell’infanzia, dei immigrati, delle nuove povertà e degli anziani.

Queste problematiche non sono certo in concorrenza tra loro ma devono essere attenzionate tenendo conto delle effettive esigenze dei cittadini:
asili nido in strutture adeguate, realizzazione di progetti che permettano orari prolungati per aiutare le mamme lavoratrici;
soccorso, accoglienza, integrazione dei migranti poste al centro delle politiche sociali di un comune che si affaccia sul mediterraneo e che mira ad un modello di accoglienza che abbia al centro la dignità delle persone;
sblocco della problematica dei cantieri di servizio per dare un seppur minimo sostegno a qualche famiglia;
la programmazione dei fondi per i servizi sociali afferenti la Legge 328, i servizi sociali a domanda individuale, il Piano di Azione e Coesione (PAC).

Per tutte queste ragioni la CGIL di Scicli torna a chiedere all’Amministrazione Comunale di istituire un tavolo tecnico di concertazione sul welfare, «luogo di lavoro» indispensabile per una visione unitaria delle varie problematiche aperte nel territorio per restituire a questa città un nuovo sistema di welfare.