Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 1107
SCICLI - 04/05/2014
Attualità - Giovedì alle 17.30 alla presenza del Cardinale Norberto Rivera Carrera, Arcivescovo di Città del Messico

Nuova chiesa a Donnalucata, consacrata a S. Giorgio

Sorge in contrada Cammarana su un terreno donato da un fedele. Nel nuovo tempio sacro sarà introdotto il culto di Nostra Signora di Guadalupe Foto Corrierediragusa.it

Una nuova chiesa a Donnalucata. Sarà consacrata a S. Giorgio e vi sarà introdotto il culto di Nostra Signora di Guadalupe, tanto venerata in Messico e molto cara al Vescovo, Mons. Antonio Staglianò. L´inaugurazione è fissata per giovedì alle 17.30. Il Rito della Dedicazione del nuovo tempio sacro, sarà presieduto dal Cardinale Norberto Rivera Carrera, Arcivescovo di Città del Messico e Primate del Messico. Si realizza così progetto agognato da tutta la frazione marinara; è stato un percorso, che è partito il 30 giugno del 2010, con la posa della prima pietra, da parte di Mons. Staglianò. «Costruiamo il tempio della nostra umanità»: con queste parole, il Vescovo di Noto ha inaugurato e benedetto l’inizio dei lavori della nuova chiesa, alla presenza del parroco di allora, Don Rosario Sultana, delle autorità civili e militari e di numerosi fedeli.

«La Chiesa sarà dedicata a San Giorgio dice l’amministratore parrocchiale don Nello Garofalo - la cui devozione nel territorio sciclitano ha origini molto antiche, che risalgono al XIV secolo. Il signor Edmondo Riccotti La Rocca ha donato il terreno di Contrada Cannamara per l´edificazione della nuova chiesa. Nell´atto di donazione il donatore ha dichiarato l´onore di intitolare il nuovo tempio a San Giorgio Martire, santo protettore della sua famiglia".
Il progetto del nuovo tempio è stato approvato e finanziato dopo diverse revisioni, al fine di essere conforme alle indicazioni che la Chiesa italiana prescrive ai progettisti per nuove chiese.