Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 870
SCICLI - 20/01/2014
Attualità - Cerimonia commemorativa in occasione del 20° anniversario dell’uccisione

In ricordo dei militari Fava e Garofalo morti sul campo

I due appuntati caddero durante lo svolgimento del servizio per mano di malviventi Foto Corrierediragusa.it

Celebrata a Donnalucata la cerimonia commemorativa in occasione del 20° anniversario dell’uccisione degli Appuntati dei Carabinieri Vincenzo Garofalo e Antonino Fava, caduti durante lo svolgimento del servizio per mano di malviventi. Il 18 gennaio 1994, i due militari dell’Arma, impegnati in un servizio di controllo del territorio, nel transitare sull’autostrada Salerno-Reggio Calabria, all’altezza di Scilla, vennero fatti oggetto di reiterata azione di fuoco da parte di alcuni malviventi che si volevano sottrare all’alt intimatogli dai due Carabinieri che, con grande determinazione e insigne coraggio, con l’arma in dotazione, rispondevano al fuoco ma, colpiti in più parti del corpo, cadevano esanimi.

Alla cerimonia erano presenti il Prefetto della Provincia di Ragusa Annunziato Vardè, il Comandante Provinciale dei Carabinieri di Ragusa Colonnello Salvatore Gagliano, il comandante della Compagnia Carabinieri di Modica Capitano Edoardo Cetola, il Sindaco del Comune di Scicli Franco Susino, autorità locali civili e militari ed i familiari dell’Appuntato Vincenzo Garofalo.

La commemorazione è stata aperta da un momento di preghiera del Sacerdote Don Nello Garofalo della parrocchia S. Caterina da Siena di Donnalucata. Nel corso della cerimonia, sul monumento dedicato agli Appuntati Garofalo e Fava, sono state deposte due corone di alloro da parte della Legione Carabinieri Sicilia ed una da parte del Comune di Scicli. La cerimonia si è conclusa con l’intervento del Comandante Provinciale Gagliano, che ha ricordato gli attimi di quel 18 gennaio 1994, e del Sindaco Susino.