Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:55 - Lettori online 1477
SCICLI - 30/10/2013
Attualità - Sempre incandescente la situazione sanitaria a Scicli

Cutass e Aliquò ai ferri corti: "Impegni non mantenuti"

Il commissario dell’Asp accusato di non avere mantenuto gli impegni presi a Scicli, di non presentarsi in Consiglio e di presenziare a Donnalucata per la cessione di locali sanitari ai Carabinieri in comodato d’uso Foto Corrierediragusa.it

«Può un commissario di un’Azienda Sanitaria Provinciale, nominato direttamente dal presidente della Regione Sicilia sottrarsi all´obbligo di relazionare sullo stato dei servizi sanitari di un comune facente parte della stessa Provincia?» Il Cutass di Scicli si fa la domanda e si dà la risposta: «Sembrerebbe di sì, se a decidere i tempi e i modi della sua presenza in Consiglio comunale è egli stesso a stabilirli, nonostante le problematiche in campo siano urgenti e indifferibili». Il comitato di Scicli sui silenzi che riguardano la sanità sciclitana chiamano in causa di nuovo il commissario Asp Angelo Aliquò (foto) il quale- si legge in un comunicato stampa- «invitato dal presidente del Consiglio comunale di Scicli giorno 21 ottobre scorso, allo scopo riferire circa gli impegni da egli stesso assunti e non onorati, ha respinto l’invito adducendo come motivazione impegni fuori sede precedentemente assunti. Successivamente è lo stesso a dichiarare di essere disponibile all’incontro solo il 4 Novembre prossimo». Gli sciclitani sono arrabbiati. Perché sebbene la motivazione sarebbe stata del tutto plausibile, hanno avuto modo di verificare che il giorno successivo, cioè giorno 23 ottobre, Aliquò era presente a Donnalucata, presso il Poliambulatorio, per un sopralluogo con alcune associazioni locali e l’amministrazione al fine di verificare la possibilità di cedere in comodato d’uso i locali del presidio per la Caserma dei Carabinieri di Donnalucata.

«Riteniamo il suo atteggiamento scorretto- scrive il Cutass- non conforme alle normali regole di cortesia istituzionale e soprattutto irrispettoso dei doveri deontologici di un funzionario dello Stato. A Scicli esistono problemi sanitari urgenti, quali la medicalizzazione dell´ambulanza del Servizio 118, l´adeguamento del Pronto soccorso dell´Ospedale e del Servizio di cardiologia per i quali non è giustificato alcun ritardo non fosse altro che a rischio vi è la vita di tanti cittadini. Si rimane in attesa della seduta del Consiglio Comunale del 4 novembre nella speranza che la presenza del Commissario possa essere utile alla soluzione concreta dei problemi di emergenza sovraesposti».