Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1220
SCICLI - 29/10/2013
Attualità - Il sindaco Franco Susino si è rivolta alla Procura generale della Corte dei conti

Scicli vuole i soldi della discarica. Abbate: "Pagherò"

Modica ha utilizzato S. Biagio per otto anni accumulando un debito di sei milioni e mezzo oltre agli interessi

Scicli vuole sei milioni e mezzo di euro per l´utilizzo della discarica di S. Biagio dal 2000 al 2008. Il conto potrebbe anche crescere per via dei crescenti interessi accumulati in oltre dieci anni visto che solo pocche centinai di migliaia di euro sono state versate. Il sindaco Franco Susino , alle prese con problemi seri di bilancio, non intende più recedere e batte cassa e per essere più "convincente" ha deciso di denunciare i fatti alla Procura generale della Corte dei conti. Modica non può dire di no alle richieste di Susino per due ordini di motivi; perchè ogni debito va onorato e la discarica di S. Biagio è stata utilizzata in modo intensivo. Inoltre palazzo S. Domenico ha avuto accreditati venti milioni di euro proprio per pagare i creditori grazie al decreto "salvadebiti" emanato dal Governo. Altri venti milioni della seconda tranche di pagamento saranno accreditati entro il mese, e comunque entro l´anno, per cui non ci sono più scuse plausibili.

Ignazio Abbate dal suo canto non nega la questione ed ha già affrontato con l´assessore al Bilancio, Enzo Giannone, il caso di Scicli e degli altri grandi creditori. Modica deve infatti 18 milioni all´Enel e due all´Ato Ragusa oltre ai sei e mezzo che deve versare a Scicli. Quest´ultimi probabilmente toccheranno gli otto milioni secondo un calcolo approssimativo, comprensivo degli interessi. Dice il sindaco Abbate: "Pagheremo, ma per emettere i relativi mandati la somma va riconosciuta come debito fuori bilancio. Tale procedura è già in atto e sarà completata nel pieno rispetto del piano di riequilibrio pluriennale finanziario approvato il 30 dicembre 2012».