Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 798
SCICLI - 12/07/2013
Attualità - La lenta agonia dell’ospedale Busacca e le responsabilità del Governo regionale

Decretata "morte" ospedale Scicli

Il Cutass: «I mandanti sono il Governo Regionale e partiti che lo sostengono UDC, PD e Megafono. L’esecutore è il manager dell’Asp Angelo Aliquò, il quale dichiara pubblicamente di «fare impresa
Foto CorrierediRagusa.it

Il Cutass, acronimo di Cittadini uniti per la tutela dell’ambiente e della salute di Scicli, lancia la sfida ai partiti di governo regionale che fanno maggioranza e al manager dell’Asp, ritenuti mandante ed esecutore della morte dell’ospedale «Busacca» di Scicli. E nelle affermazioni che indirizzano alle istituzioni politiche e sanitarie, non sono teneri. Minacciano di non dare più consensi elettorali a chi si sta macchiando di questa «condanna a morte» della struttura ospedaliera.

«Vorremmo ricordare- dice il Cutass- che un’impresa, per definizione, implica un rischio di cui si fa carico l’imprenditore, apportando all’impresa proprie risorse. In questo caso il rischio, sia in termini economici sia, purtroppo, in termini di salute sono tutti a carico esclusivo della collettività. Quando si decide di mettere mano a una struttura così importante per la vita dei cittadini, prima di impiegare risorse per l´apertura di nuovi reparti come ad esempio quelli di lunga degenza o riabilitativi, bisognerebbe assicurare i servizi più importanti, primi fra tutti quelli di emergenza urgenza, e valutare molto accuratamente se il taglio dei posti letto non arrechi danno ai pazienti, se la soppressione del Pronto soccorso sia una decisione che spetta a un manager che risponde solo a logiche di «impresa» o se invece debba essere presa sulla base di una attenta analisi della domanda e dell´offerta di salute del territorio».

Il Cutass ce l’ha con la riforma sanitaria regionale. «La tanto declamata riforma del SSR della Sicilia varata nel 2009 fino a questo momento ha portato solo tagli e disagi (vedi mancanza posti letto per acuti) da una parte e sprechi dall´altra parte, come il finanziamento a quelle cliniche private che offrono servizi identici a quelli offerti dagli ospedali pubblici e non servizi integrativi così come detta la normativa e prima ancora il buon senso. Ci vengono in mente le verità contenute nelle parole che don Scipio di Castro rivolge al nuovo Viceré di Sicilia, il giovane Marcantonio Colonna: «La natura dei siciliani è composta di due estremi: sono sommamente timidi, sommamente temerari. Timidi mentre essi trattano gli affari propri, per essere molto teneri dell´interesse particolare; di incredibile temerarietà dove si tratti del maneggio pubblico».

L’appello è rivolto a Rosario Crocetta (foto) e ai partiti che lo sorreggono: «Chiudere gli ospedali di periferia- concludono- è un errore perché essi rappresentano un punto di riferimento per la cittadinanza, supplendo all´assenza di un reale funzionamento dei servizi sul territorio. Uno degli obiettivi della politica in questo particolare momento storico dovrebbe essere quello di salvaguardare e rafforzare l´identità e il senso di appartenenza di una comunità. L´ospedale è uno dei luoghi che svolge inconsapevolmente anche questo ruolo e resiste formidabilmente alla delocalizzazione dei luoghi dove la gente socializza, solidarizza e cerca di vivere in armonia con gli altri e con tutto il resto che la circonda. Presidente della Regione e partiti alleati, ravvedetevi fintanto che siete in tempo, considerate che tutto ciò che state facendo contro le strutture ospedaliere di periferia con molta probabilità vi costerà buona parte di quel piccolo consenso elettorale che ancora avete».


presa di coscienza!
13/07/2013 | 12.33.28
verità

"Chi minaccia di non dare più il proprio consenso elettorale,forse è anche colui che lo ha sempre e immeritatamente dato per soddisfare gli affari propri e gli interessi particolari,fregandosene in modo temerario di compromettere la democrazia e la pubblica utilità.Mi auguro che,una volta per tutte, si apra la strada al merito e alla competenza e si smetta di minacciare e di chiedere interventi per favorire pochi e poi accusare altri".