Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 830
SCICLI - 20/03/2013
Attualità - Lettera al comune di un gruppo di operatori della pubblicità

Affissione manifesti a Scicli: occorre maggiore ordine

Un suggerimento al comune per ottimizzare le spese e agevolare il lavoro di settore

Un maggiore ordine nei bandi di gara per l’affissione dei manifesti. Lo chiedono gli operatori del settore Bartolomeo Trovato, Ignazio Tasca, Angelo Ferro, Michele Bracchini e Domenico Carbone al comune di Scicli. Gli interessati, in una nota evidenziano che «In caso di eventuali bandi di gara nei quali è prevista l’affissione di manifesti, per meglio divulgare manifestazioni o eventi negli otto comuni rientranti nella World Heritage List (Modica - Ragusa - Siracusa - Palazzolo Acreide - Noto - Militello in Val di Catania - Caltagirone – Catania), di provvedere a contattare prima di indire il Bando di Gara, gli Uffici Affissione dei suddetti comuni, per avere la certezza che vi si possa eseguire l’affissione.

Gli interessati chiedono inoltre di provvedere a prenotare, sempre in tempi utili, presso le diverse ditte che li gestiscono, i cartelloni pubblicitari 6x3 a beneficio dei turisti, informati per tempo degli eventi in scaletta. «Qualora i comuni interessati non siano in grado di assicurare nei periodi richiesti la predetta affissione – si legge nella nota – lo stesso personale dovrebbe effettuare una modifica del bando diminuendo l’importo del prezzo a base d’asta per effetto dell’esclusione dei costi di affissione evitando l’inopportuno spreco di denaro pagato dai contribuenti Sciclitani. Considerato che il comune di Scicli si trova in grave dissesto finanziario – chiude la nota – crediamo che quanto da noi suggerito dovrebbe essere non solo apprezzato, ma soprattutto preso in debita considerazione».