Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:06 - Lettori online 888
SCICLI - 22/11/2012
Attualità - Il contenuto del verbale giunto due giorni fa da Palermo pesa come un macigno

Il comune di Scicli nel mirino della Corte dei conti

Permangono parecchie criticità nei conti dell’ente sciclitano

Il contenuto del verbale giunto due giorni fa dalla Corte dei conti di Palermo pesa come un macigno: nonostante le spiegazioni date lo scorso 24 ottobre con una relazione dei revisori e verbalmente dal capo settore finanze, Francesco Lucenti, per i giudici permangono parecchie criticità nei conti dell’ente sciclitano.

Criticità – indicate in 11 punti – riguardanti la sussistenza di deficitarietà strutturale per l’esercizio 2010, l’utilizzazione di entrate a carattere straordinario per spese che non hanno lo stesso carattere, la difficoltà nella riscossione delle entrate extra-tributarie e la formazione di ingenti residui attivi, il reiterato e consistente ricorso ad anticipazioni di tesoreria non rimborsate, la presenza di consistenti debiti fuori bilancio in corso di riconoscimento generati da obbligazioni assunte sulla base di contratti per forniture periodiche per le quali è mancata nei relativi bilanci la disponibilità sugli stanziamenti e l’impegno spesa, l’impropria previsione in bilancio di entrate correnti, l’indebito utilizzo delle partite di giro, l’elevata incidenza della spesa del personale sulla spesa corrente, l’allungamento temporale dei mutui con la cassa depositi e prestiti a seguito di rinegoziazione ed il mancato aggiornamento dell’inventario.

Una situazione di grande criticità finanziaria che è l’anticamera del dissesto. Lapidari, infatti, i giudici della Corte: «La situazione complessiva di squilibrio strutturale è confermata dallo sforamento di numerosi parametri di deficitarietà tali da certificare la condizione di ente strutturalmente deficitario». Entro trenta giorni il Comune dovrà rispondere al mittente spiegando tutte le misure correttive intraprese. Ma non si esclude che si possa ricorrere alla procedura di pre-dissesto sulla stessa scia di altri Comuni vicini – Modica ed Ispica ad esempio – mentre stasera il bilancio di previsione 2012 approda, assieme al piano triennale, in aula con il Consiglio comunale chiamato a pronunciarsi.


22/11/2012 | 8.26.26
Ettore

Una percentuale, non piccola, di ciò che sta accadendo al bilancio del comune di Scicli è dovuta alle scelte politiche dell’on Ragusa che è lo sponsor principale dell’attuale amministrazione Susino e della precedente Venticinque.

Gli sciclitani però non hanno di che lamentarsi, hanno avuto la tac e prima o poi avranno anche una bella piscina in cui fare il bagno!!!