Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1125
SCICLI - 27/02/2008
Attualità - Scicli - Resterà aperta per un altro mese

Scicli: La discarica di San Biagio non chiude

Intanto resta confermato il sit-in di protesta di venerdì Foto Corrierediragusa.it

La discarica comunale di contrada San Biagio resterà aperta per altri 30 giorni. L´Ato ambiente ha difatti prorogato i tempi della chiusura del sito,in origine fissata per il primo marzo. Il promotore di Patto per Scicli, ex presidente del consiglio comunale e già consigliere provinciale Franco Susino, ha invece annunciato l’occupazione del sito per venerdì, insieme agli aderenti del suo movimento.

Anche un nutrito gruppo di cittadini, con in testa il movimento studentesco, è pronto a bloccare l’ingresso della discarica, vietando l’accesso ai camion carichi di rifiuti provenienti da Modica, Ispica e Pozzallo. La manifestazione resta confermata «perché l´Ato Ambiente Ragusa non ha mantenuto fede - dice Susino - agli impegni sottoscritti nello scorso mese di settembre, quando dai vertici istituzionali iblei e dal presidente dell´Ato Vindigni fu assicurato che dal primo marzo 2008 la struttura comprensoriale di Scicli sarebbe stata definitivamente chiusa».

Sulla vicenda interviene anche l´on Roberto Ammatuna: «Sono stato facile profeta nel prevedere, in occasione di un mio intervento al Consiglio Comunale aperto che si è tenuto a Scicli qualche tempo fa, che gli impegni assunti dall’Ato non sarebbero stati mantenuti». Ammatuna, già nel dicembre 2006, aveva presentato una interrogazione sull’argomento al Presidente della Regione ed all’Assessore al Territorio e Ambiente, ribadendo che «i cittadini di Scicli hanno già dato molto e che non è possibile tirare la corda oltre il dovuto, non rispettando la data preventivata di chiusura del 28 febbraio prossimo».

«E’ poi da escludere a priori ogni ipotesi di progetti miranti all’ampliamento della discarica di San Biagio ? afferma l’on Ammatuna ? ne tanto meno possibile prevedere l’attivazione di discariche per rifiuti speciali pericolosi». «Quella di San Biagio ? continua l’on. Ammatuna ? è una discarica in prossimità del centro abitato, con l’aggravante che la captazione del biogas è in ritardo e che non sono stati raggiunti risultati utili per la raccolta differenziata». «I rappresentanti del territorio hann tutte le ragioni ? conclude l’on. Ammatuna ? per rivendicare decisioni che coinvolgono i cittadini e che quindi non possono essere prese senza il loro diretto intervento».