Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 849
SCICLI - 13/08/2011
Attualità - L’opera sperimentale di un artista piacentino

Balena (di sabbia) spiaggiata a Sampieri

Una scultura di sabbia «mastodontica» che attira gli sguardi curiosi ed ammirati di bagnanti grandi e, soprattutto, piccini
Foto CorrierediRagusa.it

Una balena spiaggiata a Sampieri (foto). Non si tratta di un mammifero vero, per fortuna, ma di una scultura di sabbia realizzata da un giovane artista piacentino, M.F., diplomato all’accademia delle belle arti di Bologna. L’artista ha realizzato l’opera con l’aiuto di alcuni suoi amici, che, con pazienza, hanno «sgobbato» sotto il sole per accumulare i chili di sabbia necessari alla realizzazione della scultura, che, sapientemente compattata, raggiunge le ragguardevoli misure di 15 metri di lunghezza, per 4 circa di larghezza.

Un’opera «mastodontica» che attira gli sguardi curiosi ed ammirati di bagnanti grandi e, soprattutto, piccini. Una sorta di opera sperimentale, questa della balena spiaggiata, carica di decine di significati, interpretabili da chi la osserva, sotto il proprio, personalissimo punto di vista: dall’inquinamento dei mari al rispetto degli animali (marini e non), passando per il fascino della natura selvaggia e degli oceani blu, minacciati da un progresso troppe volte sordo verso il rispetto dell’ecosistema marino, e non solo.

Un’opera per riflettere, o solamente da ammirare nella sua semplice perfezione. L’artista di Piacenza, che sta svolgendo un master a Valencia, è al momento in vacanza a Sampieri, dove, nei prossimi giorni, esporrà un’altra sua opera nell’ambito di un’installazione ufficiale al pub «Pata Pata».


Un´intera notte di lavoro..
13/08/2011 | 16.20.05
Damiano

Tutto corretto eccetto il dettaglio che i lavori hanno avuto inizio già la sera precedente per poi protrarsi tutta la notte sotto la luce di una fantastica luna piena.
All´alba poi il tocco finale, il colore (naturalmente realizzato con sostanze naturali e non inquinanti, in questo caso farina bianca e terra nera)! Elemento del resto che cotraddistingue le sculture in sabbia di M.

Grandi ragazzi! E bravvissimo Kakà (M.F.)!!