Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 605
SCICLI - 13/04/2011
Attualità - Scicli: la riconversione della struttura ospedaliera non piace ad Orazio Ragusa e Roberto Ammatuna

No alla chiusura del Pronto soccorso al "Busacca"

I due deputati sono delusi dall’atteggiamento assunto dal direttore generale dell’Asp Ettore Gilotta

Chiudere il pronto soccorso dell´ospedale Busacca di Scicli, sostituendolo con un Pte, come definito ieri nell´incontro tra i vertici dell´Asp di Ragusa, guidati dal manager Ettore Gilotta, e alcuni rappresentanti istituzionali, non è accettabile. Così dicono Orazio Ragusa (Udc) e Roberto Ammatuna (Pd).

Spiegano i due parlamentari: "Oggi si decide in questo modo per il Busacca di Scicli, domani Gilotta si sentirà autorizzato anche alla chiusura del pronto soccorso di Comiso.In provincia di Ragusa stiamo assistendo a un progressivo e inesorabile depotenziamento dei servizi sanitari, attuando con tempestività i tagli e rimandando a data da destinarsi l´attivazione dei nuovi reparti promessi.E´ questa una politica che non accettiamo e ci opporremo a qualsiasi decisione, anche se concordata con alcuni rappresentanti istituzionali.".E´ solo il caso di ricordare che, mentre a Ragusa si decide di tagliare il servizio di Pronto soccorso del Busacca, a Palermo si lavora, per il mantenimento dei presidi di emergenza-urgenza (pronto soccorso), in quegli ospedalieri come il Busacca di Scicli e il Regina Margherita di Comiso, in cui operano i reparti di chirurgia".

Il manager Gilotta, rilasciò un´intervista nella quale aveva dichiarato che «Scicli avrà molto più di quanto si possa immaginare. Questo ospedale rappresenta una grande scommessa. Il presidio ospedaliero del Busacca per la sua ubicazione, per la sua strutturazione e per la forte vocazione all’accoglienza, si presta ad una operazione complessiva che mira all’avviamento di un polo di eccellenza di riferimento provinciale e regionale per la riabilitazione».

"Guardando i fatti - concludono Orazio Ragusa e Roberto Ammatuna - ci pare che, fino ad ora, si sono visti solo tagli e il Busacca più che diventare un polo di eccellenza si presta a essere trasformato in qualcosa che assomiglia più a un ambulatorio".