Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1509
SCICLI - 02/11/2010
Attualità - Scicli: il matrimonio di una giovane coppia inglese

Dal Regno Unito a Scicli per coronare il sogno delle nozze

E’ il quarto matrimonio internazionale che si celebra negli ultimi tre anni a Scicli
Foto CorrierediRagusa.it

Emma Luoise Jones e Christopher John Hogg (nella foto) sono convolati a giuste nozze nella stanza del sindaco di Scicli dopo un viaggio che dal Regno Unito li ha portati nella cittadina barocca. Galeotto era stato un viaggio compiuto circa sei mesi fa in terra siciliana.

I due fidanzati inglesi, sotto i mensoloni e le volute barocche dei panciuti balconi di palazzo Beneventano, si erano giurati amore eterno, e così hanno deciso di tornare qui, a Scicli, per sancire con lo scambio delle fedi il loro amore. Circa trenta, fra parenti e amici sono volti da Londra a Catania, quindi a Scicli per assistere al fatidico yes, tradotto in sì da una affascinante interprete inglese di origine serbe, Samantha Vukmirovic.

E´ il quarto matrimonio internazionale che si celebra negli ultimi tre anni a Scicli. L´anno scorso Emily e Allon, lei britannica, lui sudafricano, avevano comprato casa a Gerusalemme, e dopo aver navigato a lungo su internet, scelsero Scicli come sede della celebrazione delle nozze

L’anno prima, in settembre era stata la volta di Cricha e Hugo, due giovani portoghesi che avevano scelto Scicli come sede delle nozze, pur non avendo mai visitato in precedenza la Sicilia. E nel luglio del 2007 il primo matrimonio internazionale unì in matrimonio Sofie e Lars, due giovani danesi.
Questi ultimi pretesero il carretto siciliano per annunciare al traino di cavalli bardati il loro amore alla città.

Sembra incredibile, ma in tre anni è accaduto ben quattro volte che coppie che non hanno alcun legame di sangue con Scicli e la Sicilia decidano di sposarsi nella cittadina barocca, complice forse la teatralità di certi scorci, la luce nitida, accecante, che invita al sogno.