Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 909
SCICLI - 07/08/2010
Attualità - Scicli: la visita per presentare il festival del Paesaggio

Cucinotta e Cucuzza a Scicli. L´attrice: "Basta mostri"!

Fabio Granata ha fatto da accompagnatore Foto Corrierediragusa.it

Spettacolo, cultura e politica dicono no alle trivellazioni. E’ stata la giornata del «NO Triv» a Scicli con testimonial di eccezione i sicilianissimi Maria Grazia Cucinotta, Michele Cocuzza e Fabio Granata che ha fatto da accompagnatore. Ad accoglierli a palazzo comunale il sindaco Giovanni Venticinque che ha presentato agli ospiti il più noto ed autorevole rappresentante del gruppo di Scicli, Piero Guccione. Gli ospiti sono stati accolti da un applauso prima di varcare la soglia del comune in via Mormina Penna poco prima di mezzogiorno. Poi in quella che è ormai definita la stanza di Montalbano l’incontro con il sindaco e la sua giunta; netto il rifiuto alle trivellazioni a mare e sulla terraferma con Piero Guccione, antesignano di questa battaglia a sostenere la recente presa di posizione di Fabio Granata.

La Sicilia, e la provincia di Ragusa in particolare, è terra di cultura ed ha fatto la sua scelta di sviluppo che rifiuta un progetto basato sul petrolio e sul gas. «Credo che non si possa permettere di dilapidare il nostro patrimonio più grande, il paesaggio, in favore delle trivellazioni petrolifere, contro la volontà delle comunità siciliane» – ha detto Maria Grazia Cucinotta avvolta nel suo lindo abito bianco. Michele Cucuzza è sulla stessa onda «Mi rendo conto che nel Sudest siciliano c’è un grande movimento di opinione pubblica contro le perforazioni petrolifere. Tutto oggi è comunicazione, e credo che l’impresa più ardua sia bucare l’indifferenza e il silenzio che permea la vicenda delle ricerche petrolifere in Sicilia».

Nella foto la Cucinotta con Cucuzza e il sindaco Venticinque