Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 870
SANTA CROCE CAMERINA - 01/05/2008
Attualità - Santa Croce Camerina - Sono parecchi i disservizi denunciati

Si sentono abbandonati
i residenti di Casuzze

Si va dal manto stradale dissestato all’illuminazione carente Foto Corrierediragusa.it

I residenti di Casuzze, località balneare ricadente nel comune di Santa Croce Camerina, denunciano lo stato in cui versa la frazione marittima.

La denuncia è del signor Roberto Iacono, residente in contrada Finaiti. Una sfilza di disservizi che, a suo dire, si registrano da diversi anni. Iacono comincia con le incongruenze sull’ICI, affermando che, essendo la sua una abitazione a due piani, paga per il primo piano il 4 per mille dell’ICI, e per il secondo, il 6 per mille.

Ma i problemi vanno ben oltre: la carenza totale di illuminazione, specialmente nei mesi invernali, quando per contro, si registrano maggiormente casi di furto e scasso. Iacono non si risparmia: a Punta Secca, vicina località ricadente sempre nel comune di Santa Croce, il primo cittadino, ha installato ben 14 pali dell’illuminazione in 100 metri di lungo mare piastrellato tutto in pietra di Comiso. A Casuzze invece, il manto stradale versa in condizioni pietose. Secondo punto all’ordine della sua disanima, la distribuzione irrazionale della viabilità che, sempre secondo Iacono, è già convulsa e farraginosa in inverno, quindi non ci vuole fantasia ad immaginare come possa essere nei mesi estivi, quando tutto il traffico in quella zona è abbondantemente congestionato.

Non viene risparmiata neanche la raccolta dei rifiuti. Il signor Iacono, ha segnalato lo stato di degrado in cui versano i cassonetti dei rifiuti, ma pare che il sindaco o chi per lui, gli abbiano risposto che i cassonetti sono nuovi. Ma Iacono non è della stessa opinione. Infatti, nella zona, i cassonetti sono tutti squinternati, rotti, ed i rifiuti debordano all’esterno perché la raccolta viene fatta una sola volta alla settimana ed in estate, sebbene venga effettuata ogni giorno, il numero e la capienza dei contenitori, non sono sufficienti a causa della grossa densità di abitanti.

Il sindaco, Lucio Schembari, dal canto suo, ha dichiarato che il manto stradale versa in quelle condizioni, a causa dei lavori recenti di rinnovo della rete idrica e fognaria, cose che non c’erano a Casuzze. Soprattutto la rete idrica che ha finalmente risolto il problema dell’acqua nella frazione balneare, che per molti anni, era stata servita dalle autobotti.

Per l’illuminazione, Schembari ha confermato che anche a Punta Secca, durante i mesi invernali, l’illuminazione non è tutta attiva, ma solo in parte.

Sul deterioramento dei cassonetti, e sui rifiuti che vengono abbandonati fuori da questi, come è ovvio in questi casi, la responsabilità è di tutti coloro che non conferiscono come dovrebbero, e sugli operatori ecologici che, a volte, non ripongono la giusta attenzione nel trattare mezzi, materiali e strumenti.