Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 752
SANTA CROCE CAMERINA - 12/07/2013
Attualità - Sono partiti il 30 giugno con una carrellino da 20 kg al seguito

Padre e figlio in bici da Milano a S. Croce in 12 giorni

Carmelo e Marco Tribunale, 53 e 19 anni, hanno completato quella che si può considerare una bella impresa Foto Corrierediragusa.it

In bici da Milano a Santa Croce. E’ l’impresa che Carmelo e Marco Tribunale (nella foto), padre e figlio, 53 e 19 anni, hanno completato con l’arrivo a Punta Braccetto dopo dodici giorni di viaggio. Carmelo Tribunale ha intrapreso da tempo la carriera militare al nord ed è attualmente tenente colonnello ma in città è sempre ricordato dai tanti parenti e dagli amici. Il figlio Marco, che quest’anno ha conseguito la maturità scientifica e si iscriverà in Giurisprudenza, voleva in un primo tempo intraprendere l’impresa da solo ma poi ha convinto il padre a seguirlo.

Carmelo e Marco sono partiti il 30 giugno scorso alle ore 7,30 da San Donato Mi-lanese e hanno percorso più di mille e 700 km, pedalando 7 ore al giorno ad una media di circa 30 km/h, senza concedersi nemmeno un gior-no di riposo. La prima tappa è stata Fidenza, poi Bologna e giù lungo l’autostrada Adriatica per Pescara, Ancona fino a San Severo, in provincia di Foggia. Da qui sono giunti a Matera in un’unica tappa, poi a Sibari e finalmente a Reggio Calabria da dove si sono imbarcati il 9 luglio per raggiungere la prima tappa siciliana, Letojanni, alle porte di Taormina. E’ stato un crescendo in termini di chilometri giornalieri percorsi, dai 100 della prima tappa fino a raggiungere un massimo di 200 km giornalieri.

Marco ha trainato un carrellino di 20 kg compresi i bagagli essenziali tra cui una tenda da campeggio. Hanno dormito prevalente-mente in bed & breakfast e in campeggio. «Non so quando Marco abbia maturato l’idea dell’impresa in bici da Milano a Santa Croce – sostiene la madre Rosalia - So di certo che lo scorso dicembre ci ha comunicato la sua ferma volontà di realizzarla. Appena appresa la notizia – ammette - devo dire che tutti in famiglia l’abbiamo un po’ sottovalutata, non ne abbiamo capito da subito la portata e la determinazione ma ci siamo ricreduti quasi subito perché più passavano i giorni e più l’impresa prendeva forma».