Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1017
SANTA CROCE CAMERINA - 14/01/2013
Attualità - L’opera sarà resa possibile dopo l’espletazione della gara d’appalto

Sarà ricostruita la spiaggia tra Caucana e Finaiti a S. Croce

Il danno nel lungo arenile, noto anche per ospitare un lido della Polizia di Stato, come si ricorderà, fu conseguente ad un primo intervento di rifacimento della spiaggia ottenuto con pietrisco e operato diversi anni fa

Sarà ricostruita la spiaggia tra Caucana e Finaiti da diversi anni piena di ciottoli e pietruzze che hanno creato tanti disagi ai bagnanti e sollevato in passato polemiche e malumori. L’opera sarà resa possibile dopo l’espletazione della gara d’appalto avvenuta in questi giorni e aggiudicata ad una impresa di Alcamo che consentirà di ripristinare le condizioni abituali dell’arenile, riportando nella spiaggia totalmente sabbia e facendo sparire il pietrisco preesistente. Il danno nel lungo arenile, noto anche per ospitare un lido della Polizia di Stato, come si ricorderà, fu conseguente ad un primo intervento di rifacimento della spiaggia ottenuto con pietrisco e operato diversi anni fa, allo scopo di ripristinare una buona larghezza della spiaggia stessa, danneggiata dall’azione erosiva del mare.

L’intervento ebbe come effetto positivo l’immediata riformazione dell’arenile ma come aspetto negativo la permanenza di ciottoli e pietre che rendevano fastidioso il permanere in spiaggia da parte dei bagnanti. Adesso la ricostruzione sarà effettuata con sabbia e costruendo un pennello a mare «soffolto», cioè «nascosto» sotto il pelo dall’acqua, che avrà la funzione di imbrigliare la sabbia trasportata dalle correnti marine. Questo «ripascimento morbido inizialmente avrà un effetto «sabbie mobili» ma poi consentirà non solo di ripristinare la caratteristica costituzione dell’arenile in sabbia ma di instaurare un substrato che permetterà l’insediamento di materiale organico naturale sul quale si potrà sviluppare della flora e della fauna tipica dei bassi fondali vicino alla riva.

La realizzazione dell’opera richiederà solo tre mesi per cui è pensabile che prima dell’inizio della stagione estiva i lavori saranno completi e i turisti e villeggianti del tratto della costa compreso fra Caucana e Finaiti potranno godere della spiaggia pienamente ricostruita. Il progetto di ricostruzione della spiaggia di Caucana sarà reso possibile grazie ad un finanziamento elargito nel 2008 dal ministero dell’Ambiente e della Tutela del territorio di concerto con il ministero dell’Economia e Finanze per un importo di 1,3 milioni di euro che la passata amministrazione comunale, retta dal sindaco Lucio Schembari, ottenne dopo la presentazione di un progetto globale di ricostruzione di alcuni tratti della costa.

Farà infatti parte dell’intervento, comprensivo del finanziamento, anche la ricostruzione del muro di sostegno della strada del litorale che costeggia il Parco archeologico di Kaukana, provenendo dalle Anticaglie, arteria che da oltre trent’anni ha un restringimento della carreggiata per il crollo del costone a ridosso del mare.