Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1144
SANTA CROCE CAMERINA - 24/08/2012
Attualità - Le interpretazioni contrastanti del contratto di appalto

Raccolta differenziata: attriti tra comune e ditta Busso

Ha dovuto fare da paciere e intermediario addirittura il comandante della locale caserma dei carabinieri

Forti attriti su interpretazioni del contratto di appalto per la raccolta differenziata fra la ditta Busso, incaricata del servizio, e il Comune, sono sfociati ieri mattina in una inusuale quanto singolare diatriba presso la sede municipale, alla quale ha dovuto fare da paciere e intermediario addirittura il comandante della locale caserma dei carabinieri, maresciallo Valenti. L’ufficio tecnico del Comune infatti, nei giorni scorsi, aveva decretato la decurtazione di 18 mila euro alla ditta Busso per una mancata ottemperanza contrattuale del servizio di raccolta differenziata.

La ditta invece aveva precisato ai tecnici comunali e alla stessa amministrazione che tali emolumenti non dovevano essere decurtati in quanto spettavano secondo le norme contrattuali stilate a suo tempo dalla precedente amministrazione comunale e riviste per altre due volte con la ditta appaltatrice modicana. Visto che il Comune continuava nella propria posizione, un incaricato amministrativo della ditta Busso ha ritenuto di coinvolgere nella querelle il comandante della locale caserma.

Il militare, insieme all’incaricato della ditta appaltatrice del servizio di smaltimento dei rifiuti, ha varcato la soglia del palazzo comunale ed è salito fino alla stanza del sindaco, Franca Iurato, invitando il primo cittadino a chiarire l’intera problematica. Il sindaco, convocati i tecnici comunali ha affrontato la questione, spiegando al maresciallo Valenti e all’amministratore della ditta Busso che, da parte dei tecnici comunali, era stata letta in modo differente dagli anni precedenti la norma che prevedeva le retribuzioni, separandole fra le competenze per la raccolta ordinaria da quelle per le cosiddette «opere di miglioramento» appannaggio alla stessa ditta appaltatrice.

Il comandante della caserma si è dovuto adoperare per fungere da paciere e intermediario fra le due parti, che, alla fine, grazie all’opera mediatrice del militare, si sono accordate per impegnarsi ad analizzare bene le normative contrattuali e cercare di giungere ad una chiarificazione nel più breve tempo possibile. La ditta Busso, che in mattinata aveva minacciato il fermo dei propri operai incaricati, nel comprensorio urbano, di effettuare la raccolta differenziata, ha poi invitato la propria forza lavoro a riprendere il servizio.