Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 987
SANTA CROCE CAMERINA - 03/12/2011
Attualità - Da gennaio nuovo servizio per il recupero degli scarti da rifiuti

S. Croce comune più virtuoso per la differenziata, è al 42 %

Il nuovo servizio prevede la dotazione delle «compostiere» per la produzione di humus dagli scarti vegetali sia di origine domestica che dalla vegetazione fuori dalle singole abitazioni

Santa Croce prima cittadina della provincia per la raccolta differenziata. Con il 42% della quantità di rifiuti differenziati, tra quello effettuato con il conferimento degli utenti nell’isola di raccolta dietro riconoscimento di una decurtazione sulla relativa tassa, e quello «porta a porta» iniziato da nove mesi, il Comune si attesta al primo posto nella speciale classifica dei comuni più virtuosi nel differenziare.

L’importante risultato è stato evidenziato dal sindaco Lucio Schembari durante una riunione nel corso della quale è stato presentato anche lo start-up per un nuovo servizio in tema di recupero di scarti dai rifiuti. I cittadini santacrocesi quindi, grazie anche ai servizi comunali approntati in tema ambientale e nell’ottica del risparmio sui costi dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, acquisiscono l’importante risultato di utenza più virtuosa in Provincia in fatto di rispetto dell’ambiente, facendo seguito al grande risultato intrapreso qualche anno addietro, sempre grazie all’input dell’amministrazione comunale, con la eliminazione delle discariche a cielo aperto.

L’amministrazione Schembari continua quindi nel suo impegno pro-ambiente rendendo noto, nel corso della riunione di cui abbiamo fatto cenno, il nuovo servizio che partirà da gennaio. Si tratta della possibilità, da parte soprattutto degli utenti che hanno dei giardini o del verde privato, di poter avere in dotazione delle «compostiere» per la produzione di humus dagli scarti vegetali sia di origine domestica che dalla vegetazione fuori dalle singole abitazioni.