Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 676
SANTA CROCE CAMERINA - 12/08/2011
Attualità - Due esponenti di "Progetto S. Croce" hanno lanciato l’allarme al sindaco

Rifiuti a go-go per le strade, serve pulizia straordinaria

Per Giorgio La Rosa e Giuseppe Cascone il fenomeno è fuori controllo

Emergenza discariche abusive nel territorio. «Progetto S.Croce» lancia l’allarme sulla situazione con una interrogazione al sindaco Lucio Schembari dove vengono anche denunciate alcune disfunzioni sulla raccolta dei rifiuti solidi urbani.

I consiglieri comunali del movimento, Giuseppe Cascone e Giorgio La Rosa ritengono «che la situazione sia talmente grave da richiedere un intervento straordinario ed urgente ritenendo inderogabili le seguenti azioni: la bonifica delle aree individuate come discariche abusive; il ripristino immediato della raccolta domiciliare gratuita degli ingombranti; un maggiore e più assiduo controllo del territorio, al fine di evitare il proliferare di discariche abusive a cielo aperto, anche attraverso l’ausilio di telecamere e con più frequenti pattugliamenti dei vigili urbani presso le zone che «storicamente» sono note per essere utilizzate come discariche abusive». I due consiglieri di opposizione chiedono ancora «la sostituzione immediata di tutti i cassonetti nelle borgate a mare in cui le porte di apertura e chiusura non siano regolarmente funzionanti; il lavaggio dei cassonetti più frequente, per evitare il propagarsi di olezzi poco gradevoli; lo spazzamento e il lavaggio più frequenti delle strade adiacenti i cassonetti di raccolta dei rifiuti».

La Rosa e Cascone chiedono inoltre al primo cittadino «se non ritiene opportuno, urgente e indifferibile un intervento di bonifica delle suddette aree al fine di evitare ulteriore accumulo di materiale nelle stesse; come mai sia stato sospeso il servizio di raccolta a domicilio degli ingombranti, che per diversi mesi è stato attivato e utilizzato con alta frequenza da nostri concittadini; inoltre se non ritiene insufficiente il servizio di raccolta di ingombranti attualmente in essere per una volta alla settimana, presso il centro di raccolta comunale» e «cosa intende fare per arginare il fenomeno descritto sopra, oramai fuori controllo, viste sia la mancanza di adeguata informazione circa le nuove modalità di smaltimento degli ingombranti e sia gli opportuni controlli da parte delle autorità competenti, al fine di scoraggiare questi fenomeni».

I due esponenti di «Progetto S.Croce» domandano al sindaco inoltre «se non ritiene utile richiamare la ditta appaltatrice del servizio di raccolta degli RSU nelle borgate a mare, per adempiere maggiormente ai propri doveri contrattuali, fornendo cassonetti di raccolta che siano realmente funzionanti».