Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:53 - Lettori online 1207
SANTA CROCE CAMERINA - 12/01/2011
Attualità - Santa Croce Camerina: si attende il parere favorevole dell’assessorato

Missione a Palermo per riqualificare Punta Secca

Dall’approvazione in poi sarà possibile, innanzitutto, mettere mano finalmente all’edificio fatiscente dell’ex Guardia di Finanza
Foto CorrierediRagusa.it

Il sindaco Lucio Schembari, in missione a Palermo, ha consegnato all’assessorato regionale territorio e ambiente la prescrizione esecutiva del centro storico di Punta Secca, che consentirà di regolamentare con precisi dettami urbanistici la zona più interna della borgata tra piazza Faro e piazza Torre. Una volta ottenuto il parere favorevole dell’assessorato regionale, l’attivazione dello strumento urbanistico del centro storico di Punta Secca permetterà innanzitutto di salvaguardare gli edifici di un certo livello storico e si potrà finalmente avere un riferimento certo su determinati interventi di miglioramento dell’aspetto urbanistico della borgata.

Dall’approvazione in poi sarà possibile, innanzitutto, mettere mano finalmente all’edificio fatiscente dell’ex Guardia di Finanza (nella foto), diroccato e ricettacolo di sporcizie, l’unico punto impresentabile della borgata ai tanti turisti e vacanzieri che tutto l’anno ormai fanno tappa nella frazione santacrocese. L’edificio, prospiciente al porticciolo turistico, potrà infatti per metà essere abbattuto e ricostruito e per metà ristrutturato, mettendo forse salomonicamente d’accordo chi era per il totale abbattimento e chi per il totale recupero e ristrutturazione.

L’amministrazione comunale, anche con quest’ultima soluzione, è indirizzata a favorire un progetto di recupero, dato a privati, per poter ristrutturare l’ex edificio della Guardia di Finanza e trasformarlo in un polo turistico con un hotel e un museo del mare, oltre agli uffici della capitaneria di porto. La seconda parte della missione palermitana degli amministratori comunali, anche questa in funzione turistica, ha permesso di presentare all’assessorato competente la richiesta di approvazione della Valutazione ambientale strategica (Vas) per il 23 hotel inseriti nel progetto del piano turistico approvato nei mesi scorsi dal consiglio comunale.

Tale valutazione permetterà, se approvata, di poter iniziare, anche fra otto mesi, la costruzione dei primi hotel. «Saremo il primo Comune in Sicilia – ha affermato il sindaco Lucio Schembari – ad apportare una variante al Prg in zone agricole per poter costruire nuove strutture alberghiere nel territorio. Un plauso e un ringraziamento –sottolinea il sindaco - vanno quindi agli assessori e ai consiglieri comunali che hanno consentito il raggiungimento di questo importante obbiettivo».